Assessori, arrivano le deleghe

Il rimpasto di Pellegrino

Gli uomini nuovi sono Sergi, Libardo e Madaro. La Provincia riparte da loro. Ecco le deleghe, una per una, assegnate ex novo o confermate, ieri, dal Presidente Giovanni Pellegrino.

E’ tempo di rimpasto in Provincia. E ieri, il presidente Giovanni Pellegrino, ha attribuito agli assessori provinciali le tanto attese deleghe per la cura di specifici settori dell’attività dell’Ente, dando mandato al segretario generale Antonio Scarascia di comunicare e fare sottoscrivere per accettazione lo stesso decreto. L’efficacia della delega decorrerà, per ciascun assessore, dal momento della sottoscrizione di tale documento. Il risultato è stata la nomina di tre nuovi assessori: Giovanni Sergi (Verdi), che subentra ad Antonio Libardo; Carlo Madaro (Italia dei valori) e Giovanni Scognamillo (Unità socialista). Altra novità, lo scambio di deleghe tra lo stesso Pellegrino e Giuseppe Merico (Comunisti italiani): a Pellegrino va il Patrimonio, che era di Merico, e a questo i Trasporti, che erano competenza di Antonio Marra, prima delle dimissioni. Tutto sommato, meno movimenti di quanto si prevedesse nei giorni scorsi. Ed ecco la formazione, nuova di zecca (o quasi): Giovanni Pellegrino, presidente: rapporti istituzionali, Avvocatura, Comunicazione istituzionale, Patrimonio, Rapporti con gli enti partecipati. Loredana Capone, vicepresidente: funzione vicaria; Programmazione economica, Innovazione tecnologica, Ufficio relazioni con il pubblico, Pari opportunità. Maria Rosaria Manieri: Turismo e Marketing territoriale, Risorse ambientali e polizia provinciale, Gestione territoriale. Giuseppe Merico: Trasporti e mobilità; Affari generali, Inventari, parco macchine e qualità dei servizi. Giovanni Scognamillo: Strade, Gare, Appalti ed espropri. Carmine Caputo: Servizi finanziari, Rifiuti, scarichi ed emissioni e controllo impianti. Cosimo Durante: Sviluppo locale, Politiche dell’Unione europea, Agricoltura e risorse del mare. Sandra Antonica: Attività culturali e sistemi museali, Biblioteche. Salvatore Capone: Sicurezza e qualità sociale, Edilizia scolastica ed impiantistica sportiva, Politiche educative e sport. Mario Pendinelli: Politiche del lavoro e formazione professionale. Luigi Calò: Politiche giovanili. Giovanni Sergi: Attività produttive. Carlo Madaro: Tutela dei diritti e cittadinanza attiva, Tutela del consumatore, Lotta all’usura e al racket.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!