275, il Comitato del no incontra i tecnici Anas

Tricase. Appuntamento stamattina alla Casa presidio dei Pellegrini per spiegare le ragioni del no alla “Grande bruttezza”

TRICASE – Le operazioni di esproprio sono in corso. La “nuova” 275 sembra sempre più vicina, ma il Comitato Sos 275, che da sempre vi si oppone, non si arrende. “La lunga battaglia giudiziaria e civile non è finita – annuncia -, ma nonostante le sentenze pendenti, in particolare la Sentenza del Consiglio di Stato 5707/2012 ruolo generale del ricorso fatto dai proprietari espropriandi, ed altri ricorsi pendenti davanti ai tribunali amministrativi e penali, numerosi tecnici sono in questi giorni sparsi sul territorio del Capo di Leuca intenti a misurare ed a notificare lettere di esproprio ed immissione in possesso di particelle e proprietà”. Il Comitato ribadisce ciò che ha sempre sostenuto, ovvero la ità delle procedure di esproprio; inoltre, la tempistica con cui i procedimenti stanno avvenendo risulterebbe una forzatura in quanto non attendono i tempi del diritto. Nella mattinata di oggi i tecnici Anas sono attesi dal Comitato presso la Casa Presidio dei Pellegrini in contrada Gonfalone a Tricase; a loro il Comitato ribadirà la sua totale avversità “ad un’opera concepita e partorita dai più occulti poteri di uno Stato che si mostra forte con i deboli e debole con i poteri forti”. “Consci del fatto che gli addetti non sono altro che degli esecutori – aggiungono -, manderemo il nostro messaggio alle più alte cariche della società Anas spa, facendo presente che oltre alla anacronistica realizzazione della strada, esistono problemi oltre che di impatto ambientale, paesaggistico ed economico anche di salute pubblica, in quanto il tracciato seppellirà in contrada Matine ad Alessano tre discariche abusive in cui negli anni 90 si è sversato di tutto e di cui sono state informate con apposito esposto denuncia le autorità interessate”. “Esistono allora somme destinate alla bonifica preventiva di questi luoghi – chiedono -? O si vuole definitivamente occultare peccati remoti realizzati da ecomafie con la complicità omertosa della ‘politica’”? Articoli correlati: S.S. 275 – Così ti asfalto il Salento S.S. 275, un cammino controsenso 275. La strada che nasce già vecchia Maglie-Leuca. Ambientalisti vs Provincia 275. ‘Nulla osta', o quasi

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment