Con l’auto contro una casa. Muoiono in due

Surbo. Rincasavano da un locale notturno e volevano fermarsi a fare tappa in un bar. Per gli altri due non ci dovrebbe essere pericolo di vita

SURBO – L’impatto è stato così forte che è stato avvertito anche nelle strade accanto. E’ stato un risveglio brusco e traumatico, stamattina, per il Comune di Surbo. Sembrava impazzita la Bmw 530, di colore nero, che attorno alle 5.15 in pochi secondi è andata a schiantarsi contro il muro di un’abitazione di via Lecce. A bordo, quattro ragazzi. Due di loro sono morti sul colpo. Sul posto sono sopraggiunti anche i sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso; per gli altri non dovrebbe esserci pericolo di vita. I corpi sono stati estratti a fatica dalle lamiere accartocciate dai vigili del fuoco. I ragazzi feriti sono stati ricoverati presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e messi sotto osservazione. Nessun danno, fortunatamente, per la proprietaria di casa che, per una coincidenza positiva, si trovava nella stanza accanto al momento dello scontro. I carabinieri hanno raccolto i primi dettagli circa la dinamica dell’incidente: sembra che i quattro amici stessero tornando da un locale notturno di Surbo e fossero intenzionati a fare tappa in un bar prima di rientrare a casa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment