540 grammi di cocaina. In arresto

Lecce. La vettura su cui viaggiavano due uomini di origini albanesi procedeva troppo velocemente. I finanzieri hanno deciso di vederci chiaro

LECCE – Addosso aveva 540 grammi di cocaina. Per questa ragione, nella notte tra sabato e domenica, le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce hanno arrestato un cittadino di origine albanese. L’operazione di polizia, condotta dalle unità specializzate del Gruppo Operativo Antidroga, si è sviluppata nel giro di poche ore quando una pattuglia, durante un servizio di prevenzione finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, ha notato sulla Strada Statale 613 Brindisi – Lecce un’autovettura Alfa 156 SW, di colore nero con targa albanese che procedeva ad andatura elevata in direzione del capoluogo salentino. I finanzieri, insospettiti, si sono messi all’inseguimento del veicolo, che è stato raggiunto e fermato nei pressi di Surbo. All’interno dell’autovettura i militari hanno identificato due cittadini di nazionalità albanese che, in evidente stato di agitazione e nervosismo, sono stati condotti presso la caserma del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce per ulteriori accertamenti. La successiva ispezione dell’autovettura e la perquisizione dei due occupanti ha consentito di rinvenire, addosso al passeggero, un involucro di plastica contenente 540 grammi di cocaina.

cocaina

La droga sequestrata La sostanza stupefacente, il cui valore sul mercato si aggira intorno ai 100.000 euro, è stata posta sotto sequestro assieme all’autovettura utilizzata per il trasporto. Il corriere, un 37enne di origini albanesi, incensurato, residente a Valona, è stato tratto in arresto e su disposizione della locale Autorità Giudiziaria è stato tradotto in carcere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!