Carangelo: ‘impegnamoci tutti per il territorio’

Lecce. Rocco Carangelo, presidente della sezione Recupero e riciclo di confindustria, torna a lanciare un appello a non deturpare il territorio

Lecce. La Sezione Recupero e Riciclo, lancia un grido di allarme non solo dal punto di vista della salute ma anche del rischio di vedere deturpato il nostro meraviglioso territorio. Occorre ridare la giusta centralità all’ambiente per valorizzare le nostre straordinarie risorse e ricchezze naturali, artistiche ed architettoniche, note in tutto il mondo. “E’ necessario – afferma il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris – che le Istituzioni (Provincia, Comuni ed anche la Regione) si adoperino per arginare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, con maggiori controlli e con iniziative volte a supportare chi rispetta il territorio ed i cittadini. La legge di tutela, infatti, esiste e va applicata, come stanno facendo alcune amministrazioni illuminate, che, per esempio, hanno già inserito nei propri bandi di gara di opere pubbliche l’obbligo di utilizzo del 30% di materiale riveniente dal riciclo degli inerti”. Su tale argomento la Sezione Recupero e Riciclo si è spesa molto, coinvolgendo anche l’Università ed i centri di ricerca. “In tal senso – conclude il presidente Carangelo – evidenzio la sensibilità dimostrata dalla Provincia di Lecce, che non si è mai sottratta ai nostri appelli e che ha già dato disponibilità per un incontro presso la sede di Confindustria Lecce con tutti i Comuni e le imprese del territorio, al fine di definire una linea comune che ci veda protagonisti della salvaguardia dell’ambiente, della salute e dell’economia legata all’agroindustria ed al turismo, perché, citando Voltaire ‘ogni uomo è colpevole di tutto il bene che non ha fatto”. Articoli Correlati Riciclare per salvaguardare la salute Confindustria. La sezione Recupero e riciclo incontra il Dipar

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!