Crisi dell’informazione. Assostampa a Lecce

Lecce. Per la prima volta il direttivo del sindacato dei giornalisti si riunisce nel capoluogo salentino. In un incontro aperto anche ai non iscritti

LECCE – I dati ufficiali parlano di oltre 170 posti di lavoro a rischio. Ma, ovviamente, sono solo quelli ufficiali. L’informazione salentina è in crisi. E le continue richieste di cassa integrazione lasciano presagire un futuro fatto di licenziamenti. O di condizioni lavorative al limite della sopportazione, come è già stato denunciato in alcuni casi, ad esempio a Canale8, il cui direttore Gaetano Gorgoni si è dimesso in diretta tv dopo otto mesi di ritardi negli stipendi (ma spesso lo stipendio è solo l’ultima voce di una lista di “cose che non vanno”). Oggi, per la prima volta, il direttivo regionale di Assostampa si riunirà a Lecce. L’incontro si terrà alle 10.30 nella sala convegni delle Officine Cantelmo. Sarà una seduta monotematica e aperta a tutti i giornalisti, anche a quelli non iscritti al sindacato. La discussione sarà incentrata sulla crisi dell'editoria e sarà un'importante occasione di confronto, con la possibilità per chiunque lo voglia di sollevare problematiche e ottenere risposte dai colleghi del sindacato anche in merito a vicende professionali di natura personale che, come sempre accade in questi casi, diventano di valenza “universale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment