Ostetricia, Stefano annuncia la marcia su Bari

Casarano. Più di 2mila presenti alla manifestazione di ieri; oggi la Giunta darà incarico per un ricorso al Tar

CASARANO – Oggi la Giunta comunale, fresca di nomina, affiderà ad un professionista l’incarico di preparare un ricorso al Tar contro il provvedimento regionale che ha disposto la chiusura del reparto di Ostetricia dell’ospedale “Francesco Ferrari”. Lo ha annunciato ieri il sindaco Gianni Stefano, in occasione della manifestazione di protesta contro il taglio che si è svolta in serata, con partenza proprio da piazzale Ferrari, organizzata dal comitato “Pro ospedale” che si è costituito ad hoc. L’intenzione di andare a fondo alla vicenda, manifestando tutto il proprio dissenso nei confronti della decisione della Giunta regionale è apparsa chiara. Più di 2mila i presenti. Tra questi anche molti rappresentanti delle istituzioni, tra cui i sindaci di Matino, Parabita, Tuglie, Collepasso, Ruffano, Taurisano, Supersano, Taviano, Ugento, Melissano, i consiglieri regionali Rocco Palese, Saverio Congedo e Roberto Marti, l’assessore provinciale Pasquale Gaetani, il consigliere provinciale Gabriele Caputo e l’onorevole Lorenzo Ria. Stefano ha inoltre annunciato la volontà di andare avanti anche con le azioni di protesta, anticipando l’intenzione di manifestare a Bari presso la sede della Regione. “Andremo a bussare alle porte della Regione – ha detto – e dovranno ascoltarci”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment