Greco: ‘Bene Ppdt, ma preoccupa l’astensionismo’

Bari. L’analisi del voto da parte del coordinatore regionale de La Puglia prima di tutto

BARI – “Ancora una volta la Puglia prima di tutto ha conquistato un risultato di tutto riguardo: la media delle percentuali ottenute nei Comuni dove abbiamo presentato una lista col nostro simbolo supera il 6%, in un contesto di coalizione che fa registrare una generalizzata sofferenza dello schieramento di centrodestra”. È il commento del coordinatore regionale della Puglia prima di tutto, Salvatore Greco, all'indomani del voto per le amministrative. “Dall'11,3% di Trani, dove abbiamo espresso Gigi Riserbato come candidato sindaco del centrodestra al 13,4% di Mottola e a oltre il 7% di Lecce e Casarano – sottolinea il consigliere regionale – la Puglia prima di tutto conferma la propria solidità e il proprio radicamento sul territorio andando a costituire ormai un indiscutibile zoccolo duro all'interno della coalizione: il 5,8% di Gioia, il 7,9% di Polignano, il 5,5% di Castellana, Comuni nei quali abbiamo candidato a sindaco un esponente del partito, così come l'affermazione di Onofrio Resta eletto primo cittadino di Turi sono risultati che testimoniano la capacità di interpretare le istanze dei cittadini meglio di quanto non riescano a fare i partiti tradizionali. Il che – rimarca – in tempi di antipolitica e di disaffezione dei cittadini nei confronti della Cosa pubblica non è affatto male”. In conclusione della sua analisi, Greco si sofferma sul dato relativo all’astensionismo dal voto. Tra astensioni, schede bianche e e, in Puglia si sono infatti persi quasi 28mila voti. Segno, dice Greco, di sistemi elettorali complessi, procedure di scrutinio macchinose e di una politica percepita sempre più lontana dai cittadini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment