Calcioscommesse. Semeraro: credo a mio figlio

Il patron del Lecce Giovanni Semeraro dice la sua riguardo le presunte combine sul derby Bari-Lecce affermando: “mio figlio Pierandrea dice la verità”.

''Credo a mio figlio Pierandrea, se non dice la verità a me a chi deve dirla? Se mi avesse raccontato una bugia sarebbe dura per lui''. Lo ha detto il patron del Lecce, Giovanni Semeraro – riporta l'edizione pugliese di Repubblica – parlando della presunta combine del derby Bari-Lecce dell'anno scorso vinto dai salentini. Pierandrea Semeraro quel giorno, il 15 maggio 2011, era il presidente della società giallorossa. L'ex presidente è anche amico intimo di Carlo Quarta, l'imprenditore leccese indagato dagli inquirenti baresi come colui che consegno' alla vigilia dell'incontro al difensore del Bari Andrea Masiello e ai suoi amici Fabio Giacobbe e Gianni Carella, 230 mila euro per far vincere il Lecce. ''Mi piacerebbe capire di più – aggiunge Giovanni Semeraro – ma non riesco a farlo. E' un momento difficile per la mia famiglia, siamo tutti danneggiati. Non è una bella Pasqua con questo tsunami''.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!