Più di 4 kg di droga in casa. Preso

Sogliano Cavour. Gianluca Longo nascondeva la droga nel frigo bar del deposito della pasticceria

SOGLIANO CAVOUR – Nascondeva 4,264 kilogrammi di marijuana nel frigo bar non funzionante che si trovava nel deposito della pasticceria. Nella stessa stanza, c’erano anche 70 grammi di hashish ed altra marijuana. Quando arrivavano i clienti, si faceva dare le ordinazioni e poi si recava nel retrobottega a prelevare ciò che gli era stato chiesto. I carabinieri della Compagnia di Gallipoli sono intervenuti ieri pomeriggio a fermare l’attività di Gianluca Longo, 39enne di Sogliano Cavour, già noto alle forze dell’ordine.

Gianluca Longo

Gianluca Longo L'abitazione di Longo era oggetto da diversi giorni di una intensa attività di osservazione e quando i militari hanno visto dei giovani del posto ma anche di altri paesi limitrofi che si allontanavano da lì, hanno avuto conferma dell’attività di spaccio. Hanno pertanto fatto irruzione nell’abitazione, rinvenendo l’ingente quantitativo di droga custodito in quattro confezioni di cellophane sigillate con nastro da imballaggio. Inoltre, all'interno di un armadietto metallico i carabinieri hanno recuperato un sacchetto in cellophane contenente altri 134 grammi di marijuana; e su una mensola un cofanetto in legno contenente 70 grammi di hashish e un'altra confezione di 40 grammi di marijuana. Oltre alla sostanza stupefacente, i militari hanno trovato anche un bilancino di precisione con tracce di hashish. Secondo un calcolo degli investigatori, la vendita della droga avrebbe fruttato a Longo circa 35mila euro. Il 39enne è stato arrestato e condotto presso il carcere di Borgo San Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!