Allaccio ‘fai da te’ alla rete elettrica. Denunciato

Andrano. I carabinieri si sono insospettiti per la presenza di strani cavi che uscivano dall’abitazione per collegarsi alla linea pubblica

ANDRANO – Strani cavi fuoriuscivano dalla terrazza di un’abitazione di Andrano per collegarsi direttamente alla linea elettrica aerea pubblica. I carabinieri della stazione di Spongano si sono insospettiti ed hanno svolto degli accertamenti per risalire al proprietario di casa. Ieri, dopo aver informato la società che si occupa del servizio di fornitura della corrente elettrica di quanto riscontrato, assieme ad alcuni tecnici dell’azienda, si sono recati presso il domicilio di L. R. S., 58enne, per le necessarie verifiche. Suonato il campanello, hanno atteso più di qualche minuto prima che l’uomo aprisse la porta. E ciò perché nel frattempo aveva provveduto a salire in terrazza e a tranciare i cavi collegati alla rete pubblica per poi tornare dentro. L’escamotage, però, non è servito, poiché i carabinieri ed i tecnici dell’azienda sono subito saliti in terrazza ed hanno notato gli spezzoni dei cavi tranciati penzolare dal cavo elettrico e le rimanenti estremità, ancora vincolate all’impianto elettrico dell’uomo con evidenti segni di una recente recisione. Recuperati i vari pezzi di cavo è apparsa lampante la perfetta coincidenza nei tagli dei conduttori elettrici. Resosi conto che ormai era inutile negare l’evidenza, il 58enne ha confessato l’allaccio abusivo da lui stesso realizzato. Dopo averne dato comunicazione al pm di turno della Procura della Repubblica, Stefania Mininni, l’uomo è stato denunciato in stato di libertà per furto aggravato di energia elettrica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!