Il ‘gusto’ della politica. Le tre direttrici di Salvemini

Lecce. Dibattito sulle possibilità, per Lecce, nel settore dell’accoglienza turistica

LECCE – È possibile immaginare una città nuova? Una città che recuperi il gusto come fulcro del suo agire pubblico? Sono le domande che animeranno l’incontro di oggi alle 18.30 presso Torre del Parco. Carlo Salvemini, candidato alle Primarie del centrosinistra leccese cercherà le risponde nel dibattito con Dario Stefàno, assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Vittoria Cisonno, presidente del Movimento Turismo del Vino, Maurizio Guagnano, operatore culturale, Luigi Derniolo, artigiano. La serata sarà moderata da Claudio Scamardella, direttore del Nuovo Quotidiano di Puglia. La città che Salvemini ha in mente, come spiega lui stesso, è “una città che ripensa con creatività le sue identità, per riscrivere i canoni della accoglienza turistica strutturata intorno alla ristorazione e alla enogastronomia. Una città di gusto, inteso come piacere della cultura, quale occasione di condivisione collettiva, di rivitalizzazione urbana ma anche sociale”. Stasera Salvemini indicherà le tre direttrici per ripensare una “nuova dimensione urbana, fondata sul gusto, e dunque sulla qualità, sulla bellezza, sulla storia, sul patrimonio di valori che rendono Lecce un unicum per le sue straordinarie potenzialità e opportunità di crescita”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!