A Natale puoi… sorprenderti con il presepe

Novoli. Gli itinerari dei presepi novolesi rientrano anche quest’anno nel progetto provinciale “Città dei presepi”

NOVOLI – Arte e tradizione, innovazione ed estro. Tutto insieme, per vivere la magica atmosfera del villaggio di Betlemme e dare vita all’itinerario dei presepi novolesi, allestiti nelle chiese e nelle parrocchie della comunità nord-salentina e inseriti anche quest’anno nel progetto provinciale “Città dei Presepi”. Il percorso parte dalla chiesetta di San Biagio (in via Pendino), che ospita il tradizionale presepe in movimento interamente costruito e curato da Raffaele e Massimiliano Vetrugno, padre e figlio. Un classico del Natale novolese, un’opera maestosa che riprende i tratti tipici del paesaggio contadino ma che viene impreziosita da una miriade di effetti speciali. Non solo pupi e pastori in movimento, ma anche arti e mestieri resi affascinanti dai movimenti e dai rumori, che riecheggiano nei vicoli insieme ai cinguettii degli uccellini e ai belati di pecorelle, tra i fumi di camini e falò, il calare della notte e l’alba di un nuovo giorno, l’arrivo della neve e della pioggia con tanto di lampi e tuoni. Insomma uno scenario reale, rigorosamente costruito a mano in ogni suo componente, che trasporta i visitatori e li rende partecipi della nascita di Gesù Bambino. Un vero e proprio capolavoro di arte ed elettronica realizzato con passione e maestria e riproposto ormai da oltre vent’anni dai due artigiani novolesi. La chiesetta del centro storico, aperta ogni giorno dalle 17 alle 21 (nei giorni festivi anche la mattina), accoglierà gli ospiti nei giorni di festa. Il presepe, inaugurato lo scorso 8 dicembre, sarà visitabile fino al 20 gennaio prossimo.

Raffaele e Massimiliano Vetrugno

L’itinerario presepiale novolese continua nelle parrocchie, grazie all’impegno dei diversi gruppi giovanili. Nella parrocchia Maria SS. del Pane (via per Veglie), per esempio, si potrà visitare l’allestimento “Archi e volte leccesi”, ideato a realizzato dal giovane Alessandro Calabrese, che riprende l’architettura classica delle volte a stelle e a botte costruite mediante una tecnica antichissima tramandata da generazioni. Arte e tradizione, infine, anche nella Comunità Passionista (grazie al presepe artistico allestito all’interno della chiesa “Cuore Immacolato di Maria”, in Via San Paolo) e nelle parrocchie Sant’Andrea Apostolo (piazza Aldo Moro) e Sant’Antonio Abate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!