Camper nel parco, guerra in Comune

Ugento. I camper, parcheggiati da tempo in un'area che dovrebbe essere protetta, generano rifiuti e rischi per l'ambiente. Così, ne nasce una battaglia politica

Sono parcheggiati da giorni – precisamente dal 23 luglio – alle Fontanelle, località marittima di Ugento, vicino Torre San Giovanni. E noncuranti di non essere autorizzati, di inquinare e bloccare il traffico, sostano ancora là, a godere indisturbati degli ultimi scampoli di questo agosto afoso. Così, la segnalazione, messa nero su bianco, di quanto sta accadendo in una zona di pregio del Salento – l'area in questione ricade nel Parco Litorale di Ugento – è finita sul tavolo del Procuratore Generale della Repubblica Cataldo Motta, oltre che al comando dei Carabinieri di Ugento. A firmarla è Angelo Minenna, Segretario del PdCI – FdS di Ugento, e Consigliere Comunale.

Dai camper sversano per terra, per le strade adiacenti o in zone di macchia mediterranea, liquami provenienti dai contenitori ecologici. Inevitabile il conseguente proliferare di ratti e blatte, “con tutti i rischi igienico sanitari per i vacanzieri – scrive Minenna -, i residenti e le altre attività commerciali e turistico ricettive presenti in zona”. A spingere il consigliere comunale di opposizione a rivolgersi alla Procura è stata l'indifferenza con la quale è stata accolta la sua prima segnalazione che, sotto forma di interpellanza urgente era stata depositata settimane fa a Palazzo di Città. Dal sindaco Massimo Lecci e dall'assessore all'ambiente Antonio Ponzetta, però, non sembra sia arrivata una risposta soddisfacente né l'attesa situazione di sgombero dell'area. I camper non solo danneggiano la zona dove sono parcheggiati, ma bloccano spesso anche il traffico dell'area, piuttosto intenso in questo scorcio di fine estate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!