Abusivismo edilizio. Cinque denunce

Gallipoli. Le irregolarità scoperte dalla Guardia di finanza in aree sottoposte a vincolo paesaggistico

GALLIPOLI – I militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Gallipoli hanno denunciato a piede libero cinque persone per aver commesso molteplici irregolarità nel realizzare delle costruzioni in zone sottoposte a vincolo paesaggistico. In particolare, i Finanzieri del Reparto navale hanno segnalato all’autorità giudiziaria una persona per aver eseguito interventi con variazioni essenziali rispetto al permesso di costruire, tra l’altro in difformità dell’autorizzazione paesaggistica, provvedendo a sottoporre a sequestro un fabbricato di 143 metri quadrati; una seconda persona è stata denunciata per aver costruito un immobile costituito da tre appartamenti posti su tre livelli, in assenza di permesso di costruire e senza autorizzazione paesaggistica. La terza persona denunciata aveva violato i sigilli, rimuovendoli da un’immobile già posto sotto sequestro precedentemente dal Nucleo di Polizia edilizia del Comune di Nardò. Nel mirino dei finanzieri anche una persona che aveva eseguito presso la sede della propria attività commerciale, opere in difformità rispetto al permesso di costruire; la stessa si era resa colpevole di occupazione ed innovazioni abusive, distruzione o deturpamento di bellezze naturali, inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità competente che aveva disposto la riqualificazione dell’area oggetto del reato. Per tale attività è stata posta sotto sequestro un’area di 26,90 metri quadrati. Un’ultima denuncia, stavolta per aver eseguito presso la sede della propria attività commerciale, interventi in parziale difformità del permesso di costruire, realizzato opere in difformità dell’autorizzazione paesaggistica, occupazione ed innovazioni abusive, distruzione di bellezze naturali, inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità competente che disponeva la demolizione delle opere realizzate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!