Poveri pensieri intorno ad Elena, ventidue mesi appena

Si può essere duri ad oltranza, rivestiti di scorza d’esperienze a più strati, adusi a impatti con variegati imprevisti e contrarietà, e però come non provare tristezza e umana commozione di fronte alla drammatica fine della piccola Elena, determinatasi e consumatasi nel chiuso e nel caldo soffocante di un abitacolo senz’aria? Si può recitare e rivestire a tutto campo e con costumi consoni il ruolo di interpreti della modernità convulsa del terzo millennio, e pur tuttavia, alla luce e per effetto di quale priorità e urgenza di valori, è comprensibile, accettabile e lecito lasciarsi prevaricare dallo stress della corsa, dall’indispensabilità di badare a un’indefinita ridda d’impegni e interessi? In fondo, la domanda resta una soltanto, scarna, sintetica e spietata: “Ma che razza di vita si è arrivati a condurre?” Si va dietro a valori o, piuttosto, almeno in parte, a vuoti miti, meticci, disvalori? E’ un utile aggiornamento ovvero un abbattimento qualitativo dell’agenda del bene e del male? Dal nero all’azzurro della speranza, sincera gratitudine e autentico rispetto verso i genitori dell’Angelo, per il loro grande dono, ispirato gesto d’altruismo e d’amore che ha del soprannaturale. Lecce, 23 maggio 2011 Rocco Boccadamo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!