Marciapiedi off limits

Lecce. Nuove segnalazioni dei cittadini sul degrado urbano nel capoluogo salentino. Sotto la lente il marciapiede di via Benedetto Croce e la segnaletica a terra

LECCE – Segnaletica stradale per terra ed una grande porzione di marciapiede frantumato. Così appare da giorni via Benedetto Croce nei pressi di piazza Partigiani a Lecce ed in particolare nel punto di fronte ad uno sportello bancario di una primaria banca italiana. Numerose segnalazioni in merito sono arrivate a Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”. I cittadini hanno denunciato disagi non solo visivi ma veri e propri pericoli per il tranquillo transito sul marciapiede. “I cittadini – ha commentato D’Agata – sono costretti a fare le gimcane e solo se fortunati a non rischiano di prendere una storta”.

Lecce_marciapiede

Com’è facile immaginare, il disagio riguarda soprattutto i diversamente abili che sono praticamente impossibilitati a percorrere quella zona. “Ancora una volta – ha aggiunto il fondatore dello “Sportello dei Diritti” -continuiamo a denunciare quanto accade in Italia ed in particolare nel capoluogo salentino, per stimolare l’attuale amministrazione ad aver maggiore cura del territorio di propria competenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment