Salento. Lu sule, lu mare, lu sesso

LA STORIA DELLA DOMENICA. Ai salentini piace il sesso. Lo dimostrano i tanti commenti sul nostro portale. Dove sono nati forum spontanei di assidui praticanti le più stravaganti fantasie. Chi lascia numeri di telefono, chi si organizza per le vacanze estive, chi vorrebbe e non può e si limita ad invidiare i più fortunati

Diciamocelo: il sesso tira. Senza addentrarci nei proverbi della tradizione, dalla morale universalmente riconosciuta, basta dare un’occhiata ai frequentatori del nostro quotidiano on line. Ci sono due articoli che “reggono” nonostante siano piuttosto datati, continuando ad attirare l’attenzione dei lettori anche a distanza di tempo. Sarà che viviamo strani giorni, sarà che le gioie della vita si contano sulle dita di una mano, ma la verità è una sola: le persone hanno voglia di sesso. Di parlarne, di leggerne, di curiosare in giro. Ed ecco che, frugando tra i commenti “postati” dai nostri lettori, ci siamo resi conto della nascita di due forum spontanei a tema sessuale. Si tratta di quello che si è sviluppato attorno all’articolo Laurax: il gioco delle coppie del 5 febbraio 2008, che ha costituito l’inchiesta del Tacco n.44, e di quello nato sotto “Salento. Lu sule, lu mare, la vacanza trasgressiva” del 25 maggio 2010 (che leggete qui sotto). Il primo articolo fotografa la realtà salentina dello scambismo, con documentata analisi dei siti che promuovono gli scambi di coppia, correlata denuncia del facile accesso a certi contenuti da parte di minorenni, e necessario resoconto della altrettanta necessaria nostra visita in un club privè. Il secondo tratta un tema tutto estivo: la vacanza trasgressiva. Sempre più in voga anche nel Salento, propone pacchetti turistici all inclusive dove per “all” si intende davvero tutto tutto. Ma veniamo ai commenti. A parte i primi due o tre che inveiscono contro la scelta della redazione di trattare un tema “talmente indicibili”, eccoli scatenarsi, gli amatori salentini. Non solo salentini, per la verità, ma col Salento nel cuore o stampato sul biglietto dell’aereo acquistato per le vacanze estive (meglio pensarci per tempo a che cosa fare una volta qui; del resto, l’estate è la stagione del sesso). Chi confessa di essere sottilmente attratto dallo scambio di coppia ma di non aver mai osato proporlo alla propria compagna; chi proclama la propria piena libertà sessuale e consiglia il piacere del sesso trasgressivo; chi si difende dagli attacchi e con orgoglio dichiara di non far male a nessuno concedendosi attimi di puro piacere, condivisi anche con più di una persona, al largo della costa salentina. Chi, e questo ci ha stupiti, annuncia imminenti casting cinematografici con provino direttamente a casa della candidata – coppia o singola che sia – e specifica di rispondere al telefono solo a voce femminile. Interessante il circuito della meta-prestazione sessuale: il sesso filmato, per intenderci. Perché una cosa è parlare di sesso, un’altra è fantasticarne, tutt’altra è filmarlo. E chissà se non sarà questo il nostro prossimo tema da approfondire (a volte è davvero uno sporco lavoro!). Restate connessi e non perdeteci di vista. Stiamo lavorando per voi. Ah, naturalmente: la più bella cosa è farlo. 25 maggio 2010 Salento. Lu sule, lu mare… la vacanza trasgressiva Il sole salentino tiene in caldo i bollori. Soprattutto “quei” bollori. Ed allora eccola l’ultima trovata per dare sfogo ai propri istinti primordiali di ricongiungimento con la natura e con il proprio io più nascosto: la vacanza trasgressiva. E’ davvero l’ultima frontiera dell’offerta turistica e se è vero che nel settore vacanze vince chi si spinge “oltre”, allora è facile prevedere che farà proseliti. Il Salento degli anfratti e degli scorci incontaminati offre lo sfondo giusto e l’occasione. L’innata vocazione alla trasgressione fa il resto. Basta solo impugnare il coraggio necessario e compiere il passo: telefonare, pardòn, mandare una mail – ché è più riservata – per prenotare il pacchetto. Presso l'agenzia di viaggi on line www.vacanzetrasgressive.com ne esistono che offrono la possibilità di frequentare in convenzione albergo e club privè. Cioè: la mattina ti rilassi al mare e la sera ti rilassi, ma in altro modo. Per dare un’idea, diciamo che le offerte sono pensate per sole coppie di maggiorenni e che offrono il massimo della riservatezza. Pretendono, d’altra parte, un abbigliamento elegante per lui e sensuale per lei e si riservano la selezione all’ingresso. Per una vacanza che più completa non si può, il pacchetto include servizi di vario tipo: “relax, mare, sole, ed erotismo in totale discrezione”, recita un annuncio che potrebbe arrivarvi per e-mail in questi giorni. Aggiunge: “E se interessati: opzioni per eventuale accesso a prestigioso club nel circondario con zona benessere per una serata diversa. Opzioni per eventuali mini escursioni in barca sullo Jonio per una tintarella integrale”. Che cosa si intenda per “diversa” ve lo lasciamo immaginare. Invece, che ci siano poche cose meglio di una tintarella integrale è perfino superfluo puntualizzarlo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment