Cadavere a Punta Pizzo. Lo trovano gli studenti

Gallipoli. Era impiccato a un albero. Il ritrovamento durante un'escursione nell'ambito del progetto “EsePark”. Allertata la polizia locale. Sul posto sanitari del 118 e carabinieri.

aggiornamento delle ore 18:00 GALLIPOLI – Aveva compiuto 38 anni lunedì scorso, l’uomo, B.M., originario e residente a Taviano, che stamattina è stato trovato morto, impiccato ad un albero, nel pieno del parco di Punta Pizzo. Mentre era in corso l’escursione prevista nell’ambito del progetto “EsePark“, che raccoglie studenti provenienti da diverse nazioni europee, tra cui Ungheria, Estonia, Grecia, Germania, Inghilterra e Spagna. Una macabra scoperta che ha logicamente cambiato volto a quella che sarebbe dovuta essere una giornata all’insegna della scoperta delle bellezze naturalistiche salentine. Non è stato difficile risalire all’identità dell’uomo, dal momento che il personale della scientifica ha rinvenuto un portafoglio con all’interno anche i documenti. Il cadavere era vestito ed aveva una mano in tasca. Si tratta con tutta probabilità di un suicidio, ma sarà l’autopsia a determinalo con sicurezza. Le indagini sono coordinate dal magistrato di turno Antonio Negro. Sul posto è stato ritrovato anche uno scooter Yamaha Majestic di colore nero. All’interno del vano portaoggetti, vi erano il casco, un paio di occhiali da sole e una bobina di filo elettrico simile a quella con il quale è stato realizzato il cappio. Il cadavere è stato condotto presso l'obitorio dell'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove nelle prossime ore sarà effettuata l'autopsia. ore 13:00 E' accaduto questa mattina, a Gallipoli. Un gruppo di studenti in visita nel Salento ha rinvenuto un cadavere nella riserva di Punta Pizzo. La presenza dei giovani, provenienti da Ungheria, Estonia, Grecia, Germania, Inghilterra e Spagna, rientrava nell'ambito del progetto “EsePark“, per il quale i ragazzi avrebbero dovuto visitare l'area e valutarla. Durante l'escursione di questi esperti di turismo eco – sostenibile, il gruppo si è imbattuto nel corpo senza vita di un uomo, impiccato al ramo di un albero. Dopo la segnalazione al commissariato di Gallipoli, sul posto sono giunti i sanitari del 118 e i carabinieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment