Il nuovo corso del Tacco

Si chiama Best International organised crime report award, la nuova sezione del Premio Ilaria Alpi organizzata in collaborazione con Novaja Gazeta e Flare Network e istituita per promuovere la circolazione di informazioni sulle criminalità organizzate e di sostenere l’attività giornalistica sui fenomeni internazionali. Sono quattro i finalisti che concorreranno all’assegnazione del premio finale “Ilaria Alpi-Best International organised crime report award”. Le quattro inchieste premiate e selezionate ricevono un piccolo finanziamento finalizzato alla produzione di un documentario che verrà presentato nei principali festival mondiali del settore: tra questi uno vincerà il premio finale. Per l’edizione 2011 sono stati premiati e selezionati tra le quattro finaliste, anche l'inchiesta “Traffici umani”, pubblicata nell’edizione di settembre del mensile il Tacco d’Italia, scritta a quattro mani con il collega Carlo Lania, di Manifesto. Unico gruppo di giornalisti italiani tra i quattro finalisti, abbiamo indagato sul fenomeno della ‘riapertura’ della vecchia rotta dei curdi, quella attraverso la quale, partendo dalla Turchia e arrivando in Calabria o nel Salento, per tutti gli anni '90 le organizzazioni criminali turche hanno trasportato i curdi in fuga verso l'Europa. Chiuso il Canale di Sicilia, ecco allora che si è riaperto quello di Otranto. Stessa strada degli anni passati, stessi criminali con base in Turchia ma nuove merci. Il posto dei curdi oggi lo hanno preso afghani, iraniani, iracheni, uomini e donne in fuga da regimi o paesi in guerra. ‘Traffici umani’ diventerà ora un reportage girato tra il Salento, l’Albania, la Grecia e la Turchia, sulle tracce delle organizzazioni mafiose che organizzano e gestiscono i viaggi di migranti che dall’Afghanistan arrivano in Puglia. Adesso è importante trovare nelle Istituzioni chi crede nel progetto e contribuisca a finanziarlo. Anche perché l’immagine che viene fuori dal documentario è quella di una Puglia terra d’accoglienza e tolleranza. Credo che sia un’occasione unica di promozione del territorio. Abbiamo deciso di riproporvi l'inchiesta premiata finalista all'Ilaria Alpi-Biocr, a simbolo del nuovo corso del Tacco d'Italia: un prodotto d'inchiesta stringato all'osso, per lettori attenti, 'no frolls', che abbiano voglia di documentarsi, con l'orecchio e la mente disposti ad ascoltare ciò che i fatti hanno da raccontare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!