Specchia: arrestato per spaccio e detenzione di droga

L’ipotesi investigativa era suffragata da una serie di fonti informative che indicavano l'uomo come uno spacciatore molto attivo nel sud Salento

Insospettiti dal continuo via vai di soggetti noti come assuntori di droga, presso un'abitazione privata, i Carabinieri della Stazione di Specchia hanno arrestato Donato Lorenzo Lecci, 25enne di Montesano Salentino noto alle Forze dell'Ordine per precedenti di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri, avendo intuito che l’uomo era a Lecce per rifornirsi di sostanze stupefacenti, i militari lo hanno atteso e al suo ritorno, hanno sottoposto sia lui e la sua abitazione ad accurata perquisizione. Lecci aveva indosso 8 dosi di eroina, custodite in un contenitore metallico per caramelle. In casa c'erano due vasi da cui si ergevano altrettante piante di marijuana alte oltre un metro.

piante marijuana

Nel corso delle operazioni, inoltre, l'uomo è stato contattato telefonicamente da acquirenti che si informavano sulla disponibilità di stupefacenti. I Carabinieri, fingendo di essere amici dell’uomo, momentaneamente impossibilitato a rispondere, hanno invitato gli acquirenti a recarsi presso la sua abitazione dove, una volta arrivati, sono stati trasferiti in caserma e ascoltati. Tutti hanno dichiarato di essere clienti abituali di Lecci a carico del quale sono emersi gravi indizi di colpevolezza per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato dichiarato in arresto e trasportato presso la Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment