Banda videopoker: arrestato un rumeno

I militari della Compagnia di Campi Salentina stringono il cerchio attorno alla banda dei video poker.

Presso gli uffici della Compagnia di Campi Salentina, i militari del Norm hanno riconosciuto il conducente della Citroen C4 Coupè che la notte del 28 giugno aveva accompagnato alcuni suoi complici nel luogo in cui era parcheggiata una Ford Escort rubata a Lecce e già equipaggiata con dei massi per un nuovo colpo. Si tratta di Dinu Ionut, 26enne romeno, censurato e disoccupato nei confronti del quale è scattato un fermo di polizia giudiziaria. Ionut, quella notte, era riuscito ad abbandonare l'auto e fuggire a piedi, disperdendosi nelle campagne circostanti. L'attività info-operativa condotta dai Carabinieri della Stazione di Squinzano ha però consentito di localizzare ieri mattina la Citroen Coupè a Lecce, alle spalle della Camera di Commercio. L'auto era anche apparsa in alcuni filmati inerenti i colpi commessi contro distributori di carburanti. I carabinieri hanno atteso Ionut nei pressi dell'auto e quando l'uomo è giunto sul posto, è stato immediatamente fermato. Successivamente è stato perquisito anche il suo domicilio temporaneo nei pressi della stazione ferroviaria. Il Sostituto Procuratore di turno, Dr. Gugliemo Cataldi ha disposto il fermo di polizia giudiziaria per furto aggravato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!