Lecce. Aggressione all'ufficio postale

Quando gli hanno comunicato che per ritirare la pensione avrebbe dovuto attendere ancora un giorno, si è scagliato con un cacciavite contro l'impiegata

Paura alle poste, ieri pomeriggio, a Lecce. Una donna di 63 anni, Anna Costantini, impiegata nell’ufficio consulenze al pubblico, è finita in ospedale in seguito all’aggressione di un uomo di 51 anni, affetto da disturbi mentali. L’uomo era noto agli impiegati dell’ufficio, per cui quando attorno alle ore 15.30 è entrato a ritirare la pensione nessuno ha notato a di strano. La dipendente, però, non ha potuto assecondare la sua richiesta rispondendogli che avrebbe dovuto attendere ancora un giorno. A quel punto l’uomo ha iniziato a perdere il controllo; ha pronunciato una serie di frasi violente e senza senso concludendo con una minaccia: “Vi aspetto fuori”. Davanti a questa affermazione, una impiegata ha pensato di avvertire le forze dell’ordine che però non hanno potuto evitare l’aggressione. L’uomo si è infatti scagliato contro la signora Costantini conficcandole un cacciavite nel braccio. Le pattuglie della polizia che sono giunte sul posto hanno condotto lo squilibrato presso l’ospedale di Campi Salentina, dove è stato ricoverato con trattamento sanitario obbligatorio. La vittima del suo raptus è stata invece trasportata al Pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce dove le sono stati apposti due punti di sutura. Se la caverà in sette giorni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!