Mastroleo: documento pro-biomasse “riciclato”

Marco Mastroleo, del Circolo “Peppino Impastato” di Casarano, esprime dei dubbi sulla veridicità del documento pro-biomasse promulgato da “Io vado a biomasse”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera arrivata in redazione, inviata da Marco Mastroleo del Circolo “Peppino Impastato” di Casarano, relativa al dubbio espresso in merito al documento “pro-biomasse” firmato da 35 medici. “In merito alla nota dei medici a favore della centrale a Biomasse di Italgest, il sottoscritto, fa notare che il documento in oggetto è un vecchio documento “riciclato”. Nell’arco di questi mesi, ho contattato quasi tutti i medici firmatari, e oltre il 60% dei medici mi ha comunicato che a loro è stato sottoposto un questionario, che fraudolentemente è divenuto un documento a favore. Alcuni dei professionisti “firmatari” mi hanno confidato che con tutta probabilità adiranno le vie legali per difendere l’onorabilità del proprio nome. Chi si sta prodigando a favore di questa megacentrale, non comprende la gravità di tali pubblicazioni. Come non si comprende la strategia di associare, in un volantino distribuito, i simboli di molti partiti con i loro rispettivi stralci di programma, alla battaglia a favore (SEL conferma come sua linea ciò che è citato, e sottolinea per l’ennesima volta la proposta alternativa fatta di una centrale da max 3 MW). Nel merito di quel volantino l’aver affiancato tutti i simboli contro questa centrale, ci fa constatare due alleati impliciti che finora non si sono espressi, e cioè l’UDC, ed il PD che ad oggi continua la sua linea deleteria per se stesso e per la comunità dell’assordante silenzio. Gli interessi in ballo sono altissimi, e non ci sorprenderebbero atti che vanno oltre il lecito morale e legale.” Casarano, 03 Maggio 2010 Marco Mastroleo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!