Ance ha incontrato Matteoli

Nicola Delle Donne, presidente Ance Lecce, ed il direttivo hanno esposto ad Altero Matteoli, ministro delle Infrastrutture e trasporti, tutte le criticità del settore edile in Salento

A margine dell’incontro Sviluppo e infrastrutture, la sfida di un altro Sud, nell’ambito degli appuntamenti “Sfide culturali e politiche”, Nicola Delle Donne, presidente di Ance Lecce, insieme al direttivo, ha incontrato Altero Matteoli, ministro alle Infrastrutture e Trasporti, al quale ha esposto le principali problematiche del comparto edile. “Sono davvero soddisfatto – ha detto Delle Donne, al termine dell’incontro -; il ministro Matteoli si è dimostrato molto attento alla situazione del comparto edile nel Salento, ma soprattutto ha condiviso alcuni principi fondamentali in tema di competitività, sicurezza, formazione e appalti”. Il ministro ha trovato particolarmente importanti le eccezioni sollevate da Delle Donne circa la cattiva pratica dell’applicazione del criterio di aggiudicazione del massimo ribasso con verifica delle offerte anomale per importi superiori al milione di euro. “Si tratta di una procedura – ha detto Delle Donne – che emargina le imprese sane, che producono ricchezza, occupazione, a vantaggio invece delle imprese ‘malate’ che causano ritardi o mancata esecuzione dell’opera pubblica, lavoro nero, contenzioso e tutte le note piaghe che infestano il comparto. E’ ora di dire basta a questo comportamento, anche perché le stazioni appaltanti, per incapacità, per deresponsabilizzazione, non verificano in maniera congrua le offerte anomale”. Delle Donne ha fatto pervenire al ministro un emendamento di Ance Lecce al Codice degli Appalti, finalizzato a ripristinare il criterio dell’esclusione automatica delle offerte anomale per gli appalti di importo nazionale, vale a dire fino a cinque milioni di euro. Altro punto sul quale il ministro ha espresso la massima disponibilità a farsi portavoce degli interessi delle imprese edili è il principio generale per il quale l’Ente appaltante deve indire la gara previa valutazione ponderata e congrua del valore dell’intervento e non in funzione della provvista economica dell’appalto. “Sul punto la posizione di Ance Lecce è chiara – ha commentato dice il presidente -: occorre prevedere, ope legis, l’anamento della procedura di gara irrispettosa del Prezzario di riferimento. Molti sono stati i casi in cui Ance Lecce ha sollevato il problema. Nel nostro territorio, come in Italia, le stazioni appaltanti, tranne rare e illuminate eccezioni, non rispettano sovente il Prezzario. Ed i Tar competenti assumono spesso principi che altri negano. L’impresa non può lavorare in queste condizioni”. Con il ministro si è discusso anche della summa quaestio della strada statale 275. “A breve l’Anas metterà a gara – ha spiegato Delle Donne – l’appalto di ammodernamento e messa in sicurezza della famigerata Maglie–Leuca, per un importo comprensivo tra i 150 ed i 200 milioni di euro. Tale elevato importo non consente la partecipazione diretta alle imprese pugliesi che si dovranno accontentare delle briciole provenienti dai subappalti o riuscire a partecipare attraverso raggruppamenti di imprese. Parlo di briciole, poiché, per esigenze di portafoglio e di mantenimento dell’attestazione SOA, le imprese che gareggeranno, dovranno presumibilmente presentare un ribasso tra il 35 ed il 50%, che, appunto, sulle imprese subappaltatrici si ripercuoterà per un 50-65%. Vorrei tanto essere smentito”. Delle Donne ha così chiesto ufficialmente al ministro Matteoli la possibilità di dividere l’appalto in lotti funzionali. “Non esistono motivi ostativi – ha concluso -: solo in questo modo si garantirebbe alle imprese ed al territorio, una adeguata distribuzione della ricchezza. I salentini ne hanno bisogno per uscire dalla crisi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!