Paganini. 50 anni e balla il Sirtaki

La Camerata musicale salentina torna domani con lo spettacolo “Ho appena 50 anni e ballo il Sirtaki”. Sul palco Raffaele Paganini e Mvula Sungani

di Daria Ricci Dopo gli applausi del primo concerto della Camerata in collaborazione con la Ico, che ha visto in scena la pianista Lilya Zilberstein, la collaborazione tra l’orchestra della fondazione Ico e il balletto del Sud, con grande soddisfazione del presidente Schirinzi, indubbiamente darà i suoi frutti. La Camerata musicale salentina torna domani, al Politeama Greco di Lecce, con lo spettacolo “Ho appena 50 anni e ballo il Sirtaki” che racconta la storia di due grandi artisti, Raffaele Paganini, étoile di fama internazionale e Mvula Sungani, eclettico coreografo italo-africano. Lo spettacolo rivisita gli ultimi cinque decenni, ispirato dai racconti di Raffaele Paganini e realizzato da Mvula Sungani. Una serata di danza, musica, suggestioni visive ed emozioni. La trama si snoda in cinque quadri collegati tra loro, “Mare”, “Opera”, “Sonos”, “Metropoli” e “Sirtaki”, che si susseguono componendo un’unica vicenda. La narrazione verrà resa tridimensionale dalle suggestioni e dalle coreografie ideate da Sungani, noto artista che da sempre si è segnalato per l’innovazione e la qualità dei propri lavori e anche in questa nuova creazione si avvale della preziosissima partecipazione di due prime ballerine Emanuela Bianchini e Simona De Nittis. Quadri coreografici che abbracceranno grandi danze corali, intensi assolo e spettacolari passi a due. Le musiche spazieranno dai grandi compositori classici quali Puccini e Verdi, alle splendide canzoni di Sosa, Madredeus e Estefan, alle composizioni originali di Palmas e Pistoni per finire con il pirotecnico Sirtaki. Luci e proiezioni all'avanguardia arricchiscono questo spettacolo, nato per regalare al pubblico grandi emozioni, come dice Gaetano Schirinzi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!