Cambia look il logo Dop

Il marchio Dop cambia veste: sarà più riconoscibile

Con il recente regolamento della Commissione (Ce) n. 628/2008 cambierà la veste grafica del marchio Dop

“Informo gli imprenditori salentini del settore agroalimentare ed i consumatori – esprime in una nota l'Ass. Prov. Cosimo Durante – che con il recente regolamento della Commissione (Ce) n. 628/2008 cambierà la veste grafica del marchio Dop. Il precedente era identico al marchio Igp (tranne che per la dicitura del riconoscimento trascritta all’interno); ora il prodotto riconosciuto con la denominazione di origine protetta sarà riconoscibile per il colore rosso della circonferenza esterna; resta il giallo nella corona circolare intermedia che contiene la dicitura. Gli imprenditori agricoli salentini potranno esporre ancora il vecchio marchio per esaurire le confezioni già in circolazione e/o acquistate, ma fino alla data del 1 maggio 2010. Sulla decisione comunitaria esprimo soddisfazione, piu volte avevo riscontrato – prosegue Durante – tra i consumatori la necessità di rendere ben visibile la distinzione fra il marchio Dop e il marchio Igp. Infatti la sola dicitura interna, spesso riprodotta con caratteri piccolissimi, e comunque in lingue diverse, non consentiva di valorizzare a colpo d’occhio la totale connessione del prodotto a denominazione con il territorio salentino ed il ciclo produttivo. Spero che il mercato possa rispondere positivamente a questa opportuna correzione, che rende più visibili i due livelli di garanzia previsti dal sistema delle denominazioni d’origine e che gli imprenditori salentini possano trarre maggiori profitti per il loro impegno a piu livelli nel produrre prodotti aderenti ai disciplinari Dop e far riconoscere ulteriormente il Salento quale distretto agricolo di qualità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!