Parte il corso di “gestione delle risorse idriche”

La formazione europea sul problema acqua

Parte il corso europeo di formazione continua on-line sulla “Gestione delle Risorse Idriche”. Il progetto è rivolto a tutti coloro che si occupano di materie ambientali ed è promosso da NEPTUN (New Partnership for Transnational Understanding and co-operation in water management)

Negli ultimi anni i cambiamenti climatici e i crescenti problemi ambientali hanno aumentato la necessità di trovare soluzioni per uno sviluppo eco-compatibile e sostenibile. Una necessità che si è tradotta in notevoli investimenti, a partire dalla ricerca di fonti energetiche rinnovabili, dall’introduzione di aree protette e dall’accordo mondiale di Kyoto sulla riduzione dell’inquinamento dell’aria. Tentativi di valore ma sicuramente insufficienti a risanare gli errori degli ultimi decenni. Nel 2000 l’Unione Europea ha varato la Direttiva Quadro sull’Acqua, che dovrà essere recepita da tutti i paesi comunitari e che prevede una serie di azioni ed interventi da attuarsi a livello nazionale, regionale e locale per l’uso e la salvaguardia delle risorse idriche. L’applicazione di una legislazione comunitaria comporta la necessità di individuare metodologie e contenuti formativi comuni, di rilevanza europea, che favoriscano lo scambio di buone pratiche. Il progetto pilota NEPTUN (New Partnership for Transnational Understanding and co-operation in water management), finanziato dal programma comunitario “Leonardo da Vinci”, ha l’obiettivo di dare uniformità e migliorare la qualità dell’offerta di formazione continua sul tema delle tecnologie idriche disponibili nell’UE, definendo un percorso formativo on-line a valenza europea e rispondente ai requisiti enunciati nella Water Framework Directive (WFD). Coordinato a livello europeo dall’ente di ricerca PROREC di Chemnitz (Germania), il progetto, della durata di tre anni, ha visto la partecipazione di amministrazioni pubbliche (Camera di Commercio di Belfast-UK, Magistrato alle Acque di Stettino-Polonia, Regione Veneto), università (Bauhaus di Weimar, Germania, Usti nad Labem, Repubblica Ceca, Università di Padova) ed enti di formazione e ricerca (Atmoterm di Opole, Polonia, Questor di Belfast, Regno Unito, u.bus di Berlino, Germania ed Eurocultura, Vicenza – che ha coordinato l’attività svolta dai partner italiani). Il corso europeo di formazione continua on-line sulla “Gestione delle Risorse Idriche” prodotto nell’ambito del progetto Neptun, è composto di 8 moduli e consente di ottenere un certificato di frequenza, subordinato al superamento del test di valutazione finale. E’ rivolto a chi opera nelle pubbliche amministrazioni in progetti di sfruttamento delle risorse idriche, tutela ambientale, pianificazione dei corsi d’acqua, sicurezza interna, pianificazione di aree edificabili etc. e a quanti, nel settore privato, si occupano di definire i codici di condotta delle aziende in campo ambientale (edificazioni, tecnologie idrauliche, servizi ingegneristici, progettazione aree verdi etc). Per saperne di più: www.neptun-project.org

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!