Piste ciclabili a Lecce

Tutti in bici sulle strade di città

Appaltati i lavori per la realizzazione di 5 itinerari ciclopedonali nell’area urbana di Lecce

E’ stata esperita nei giorni scorsi la gara per l’affidamento dei lavori (secondo lotto) per la realizzazione di percorsi ciclabili e ciclopedonali nelle aree urbane. Al bando hanno partecipato 58 ditte ed è risultata aggiudicataria la “Opus” s.r.l. di Lecce con una offerta ribasso del 31,87% su un importo a base d’asta di euro 812707,91. Sono previsti 5 itinerari. Il numero 1 comprende viale Quarta, viale Gallipoli (est), via Bernardini, via Duca degli Abruzzi, viale Otranto, piazza Italia, viale Lo Re, via Marconi, via XXV Luglio, via Marco Aurelio, via Trinchese, via Cavallotti e via Costa. Il numero 2 comprende via Croce, piazza Partigiani, via Battisti, via Balduini, via del Mare, via Monte San Michele, via Mantovano e via Sauro. Il numero 3 comprende via Archita da Taranto, via Mincio, piazza Indipendenza, via Po, via Manzoni, via Argento e via Stampacchia. Il numero 4 comprende piazza Italia, via Don Minzoni, via Miglietta, piazza Bottazzi, via Lazio e via Leuca. Il numero 5 riguarda il centro storico. “Il nostro obiettivo – commenta Paolo Perrone, sindaco di Lecce – è quello di ridurre per quanto possibile gli effetti nocivi della circolazione automobilistica nelle aree urbane. Sensibilizzare all’utilizzo di mezzi alternativi è fondamentale, ma occorre anche dare ai cittadini la possibilità di farlo. Le piste ciclabili sono straordinariamente importanti in questo senso. Sono convinto che i leccesi possano farne buon uso così come accade nelle altre città italiane ed europee. Sarebbe un segnale di maturità, ma anche un bel contributo alla lotta all’inquinamento”. “I lavori prevedono la realizzazione di 5 itinerari – spiega Severo Martini, assessore ai Lavori Pubblici – che coprono zone centrali e periferiche dell’area urbana. Una rete di piste ciclabili piuttosto significativa che mettiamo a disposizione dei leccesi che vogliono lasciare la macchina in garage contribuendo alla riduzione del volume di traffico automobilistico e quindi ad un ambiente cittadino più salubre”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!