Depurazione dei frutti di mare. A rischio il centro di Gallipoli

Nuovo di zecca. Ma non in regola

Mancanza di autorizzazione per svolgere attività commerciale e dei necessari requisiti igienico-sanitari. 15 quintali di frutti di mare sono stati sequestrati nel nuovo centro di depurazione di Gallipoli. E sul futuro dell’attività la parola sta al sindaco Vincenzo Barba

Rischia la chiusura il centro per la depurazione dei frutti di mare tra Rivabella e Torre Sabea, a Gallipoli, inaugurato appena due settimane fa. Tocca a Vincenzo Barba, sindaco della città bella, pronunciarsi sulla richiesta di chiusura presentata dai carabinieri della Compagnia di Gallipoli e del Nas (Nucleo antisofisticazione e sanità) di Taranto. L’Arma gli ha infatti chiesto di emettere un’ordinanza sindacale dopo aver constatato che il centro sarebbe privo delle autorizzazioni per svolgere attività commerciale e dei necessari requisiti igienico-sanitari. I carabinieri, che intanto hanno ritirato frutti di mare per 15 quintali, hanno inviato in Procura una informativa in cui sottolineano i presupposti per procedere al sequestro dello stabile e dei macchinari. Gli investigatori stanno ora accertando come l’imprenditore abbia potuto avviare l’attività, essendo privo delle dovute autorizzazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!