Inchiesta Regione Puglia, corruzione e truffa: “Polizze fideiussorie false per avere 50 milioni di euro”

DOSSIER/4 Verifiche sugli iter per i fondi Fesr erogati negli ultimi tre anni e perquisizioni negli uffici baresi. La Guardia di Finanza: “Esteso fenomeno nei rapporti con la Pubblica amministrazione per il rilascio di contributi, finanziamenti e mutui agevolati”. Indagati anche Vincenzo Rinaldi, funzionario responsabile dei settori opere Pubbliche, rifiuti ed attività estrattive; Vincenzo Iannuzzi, geologo; Cosimo Napoletano, consulente finanziario e Grazia Palmitessa, titolare di agenzia assicurativa   di Stefania De Cristofaro   GLI INDAGATI NEL SECONDO FILONE D’INCHIESTA DELLA FINANZA DI BARI POLIZZE FIDEIUSSORIE FALSE NEI RAPPORTI CON LA…

Leggi tutto

“In cambio del voto, assunzione nella ditta dei rifiuti”: indagato sindaco di Santa Cesarea Terme

Pasquale Bleve, rieletto alla guida del Comune il 10 giugno 2018, è accusato di corruzione elettorale. Notificato l’avviso di conclusione. La pm della Procura di Lecce: “Prometteva a Filippo Rizzo un posto di lavoro per il figlio nella ditta Ercav srl, per ottenere il suo voto e quello dei componenti della sua famiglia, in favore di un candidato al Consiglio”. La difesa: “Accusa infondata, chiarirò tutto” Di Stefania De Cristofaro   LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 10 GIUGNO 2018 A SANTA CESAREA TERME: IL BIS DI BLEVE L’INIZIO DELLE INDAGINI: ESPOSTO…

Leggi tutto

Ospedale Vito Fazzi, impianto ossigeno senza certificato antincendio da 5 anni

ESCLUSIVO. L’intero ospedale Vito Fazzi e il DEA, dipartimento dell’emergenza, erogano ossigeno e aria medicale con impianto non a norma, senza certificato antincendio. La SCIA a firma di Rodolfo Rollo: senza data e con documentazione errata o inesistente   LA LETTERA DEI VIGILI DEL FUOCO   di Marilù Mastrogiovanni   L’impianto dell’ossigeno dell’ospedale Vito Fazzi realizzato nel 2015 e gestito da Air Liquide eroga da cinque anni ossigeno e aria medicale senza essere stato collaudato dai Vigili del fuoco. Lo conferma al Tacco d’Italia il comandante del comando provinciale dei Vigili…

Leggi tutto

Studio 100 tv, cessione ramo d’azienda: “Prezzo simulato, 34.500mila euro. Lavoratori compresi”

DOSSIER/3 – I militari della Guardia Finanza hanno trovato due raccomandante firmate dalla stessa persona: “Operazione fraudolenta posta in essere dai fratelli Gaspare e Giancarlo Cardamone: avevano deciso di portare al declino la società in crisi di liquidità, la Jet srl, e hanno spostato il ramo produttivo nella Mastermedia, attiva e pulita con possibilità di godere dei contributi dello Stato”. Per il gip esisteva un’unica compagine economico-aziendale tra le due società per l’esercizio dell’emittente, tra beni strumentali e 26 dipendenti, fra giornalisti, cameraman e tecnici   Di Stefania De Cristofaro…

Leggi tutto

The New York Times rilancia le inchieste del Tacco sul caporalato industriale di Tod’s

“Nell’economia sommersa d’Italia”: all’interno di un ampio reportage sul lavoro nero della moda italiana, le croniste del giornale statunitense riprendono un lavoro d’inchiesta durato sei mesi e costato fior di querele Di Francesca Rizzo “Made in Italy, ma a che prezzo?”: se lo chiedono Elizabeth Paton e Milena Lazazzera, redattrici del quotidiano The New York Times, che approfondiscono la piaga del lavoro nero dietro il glamour di una moda esaltata ed esportata in tutto il mondo. Una piaga già esplorata da Marilù Mastrogiovanni, direttora del Tacco d’Italia, che nel 2013,…

Leggi tutto

“Questa è gente che ti taglia la testa”: un testimone racconta la trattativa mafia-politica

Bombe, dune e Banca di credito cooperativo (parte II). Dalle indagini dei Carabinieri emerge la trattativa tra il sindaco di Carmiano (Le) Giancarlo Mazzotta ed esponenti del clan Tornese   di Fabiana Pacella Le parole di un testimone sentito dai Carabinieri, gelano il sangue: “Questa è gente che ti taglia la testa”, disse in lacrime, in preda alla paura. Era la fine del 2012. Secondo il testimone, sul terreno in contrada Padula Fede, confiscato al clan Tornese della sacra corona unita e assegnato all’associazione Libera di don Ciotti, avevano messo…

Leggi tutto

BCC: la video intervista al testimone

Banca di Credito Cooperativo BCC Terra d’Otranto: “FECERO LEVA SU BISOGNO E RICATTI. ALL’INTERNO DELLA BANCA NON POTEVANO NON SAPERE” Di Fabiana Pacella   Un comitato d’affari circolare, fatto di bancari, imprenditori, criminali, politici. Uniti tra loro da un patto tacito – nemmeno tanto –, e dalla ferrea volontà di espugnare la Banca di Credito Cooperativo BCC Terra d’Otranto. Fin qui il quadro, chiaro, delineato dagli investigatori nell’indagine sulle operazioni di voto per il rinnovo del cda della Banca di Credito Cooperativo di Terra d’Otranto, nel Salento. Ma quali sono…

Leggi tutto

Banca BCC Credito cooperativo di Terra d’Otranto: il “cerchio” magico tra politica, finanza, imprenditoria, mafia

Il peso del clan Tornese della sacra corona unita nell’elezione dei vertici della banca. Gli inquirenti documentano una presenza profonda, sottile, radicata, che balza meno agli occhi dello Stato (INCHIESTA – TERZA PARTE) Di Fabiana Pacella   “…Tanto ci teniamo le mani tra di noi è un cerchio e diventeremo sempre più forti”. Con queste parole Giancarlo Mazzotta, sindaco di Carmiano in provincia di Lecce, sancisce secondo gli inquirenti, il modus operandi di un gruppo nutrito di persone, collegate tra loro in maniera circolare e unite dal fine comune di…

Leggi tutto

Rifiuti e mafia: ecco le scatole cinesi dei Rosafio

L'INCHIESTA. Geotec, Cogea, fino ad arrivare ai collegamenti con la Lombardi ecologia e il Cns. Da Morciano di Leuca a Pieve di Cento (Bologna), passando per Bari e Roma. Abbiamo inseguito per l’Italia i capitali dei Rosafio-Scarlino

Leggi tutto