È stato firmato, nella tarda serata di giovedì, l’accordo tra Invitalia e ArcelorMittal per la gestione dell’ex Ilva. Inascoltate le proteste degli enti locali.

Di Daniela Spera Dopo un rinvio di dieci giorni, nonostante l’opposizione dell’amministrazione locale e degli attivisti, lo Stato riprende in mano lo stabilimento siderurgico di Taranto. Del resto, l’imminenza dell’accordo, era stata anticipata con forza, dal presidente Conte, nel corso dell’ultima conferenza stampa sul nuovo Dpcm per l’emergenza Covid-19. L’accordo comporterà un cospicuo investimento di Invitalia in AM InvestCo. L’importo non sarà versato per intero ma frazionato secondo una precisa tempistica. Il primo investimento di  400 milioni di euro sarà effettuato entro il 31 gennaio 2021, previa  autorizzazione dell’antitrust dell’Unione…

Leggi tutto

Che shopping sia

Il natale è alle porte e l’ultimo DPCM non fa altro che confermare quanto la nostra sia una Repubblica fondata sullo shopping. Si potrà fare compere fino a tardi, ma non si potrà festeggiare il natale in famiglia. I teatri, i centri culturali? Non pervenuti. Inutili. E noi lavoratori dello spettacolo? Si presume che il loro silenzio equivalga a un ennesimo invito a restare fermi. Durante il primo lock down ho raccontato come gli artisti avessero trovato un modo di arrivare al loro pubblico nonostante tutto e avessero regalato musica,…

Leggi tutto

Accordo ArcelorMIttal e Invitalia, oggi la firma

Di Daniela Spera   Taranto. Il Ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha convocato per oggi alle 12, presso la sala Arazzi del suo Ministero, i sindacati metalmeccanici. Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm, Usb e Ugl discuteranno sulla vicenda ex Ilva proprio il giorno in cui Invitalia, per conto del governo, e ArcelorMittal firmeranno l’accordo che prevede l’ingresso dello Stato al 50 per cento nel capitale dell’azienda.   Secondo, Francesca Viggiano, Assessora con delega all’Ambiente, Patrimonio e Politiche abitative   ‘il futuro dei cittadini di Taranto e della sua Provincia…

Leggi tutto

Fermiamo il mondo

E un altro 25 novembre è passato come da manuale. Tutti a spendere una buona parola per le donne e millantare solidarietà con le vittime condannando ogni tipo di violenza (compresa quella che nessuno sembra riconoscere nei restanti 364 giorni dell’anno…). Salvo poi archiviare il caso prima della fine della giornata per rendere omaggio al prematuramente deceduto re del pallone: il grande Maradona. E così la giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne è volata via prima del solito e i media si sono affrettati a cancellare i programmi dedicati…

Leggi tutto

Normalità

‘Guarda che tu esageri, non siamo tutti uguali, ci sono anche uomini buoni, che rispettano le donne’ Ma dai! Quindi essere un uomo che non violenta, non picchia, non insulta, non denigra, non sminuisce, non discrimina un’altra persona equivale ad essere buoni? E io convinta fossero qualità scontate di ogni essere umano decente! Che stupida. No, davvero. ‘guarda che esageri, non sono tutti uguali, ci sono anche uomini speciali, guarda mio marito, il nostro amico etc..’ come sopra ‘guarda che esageri, non siamo tutti uguali, certi uomini sono interessati solo…

Leggi tutto

Good news against bad news

Due maestre di mia figlia sono risultate positive. Scuola chiusa e noi tutti in quarantena. Ancora più fermi di prima. Nemmeno più le lezioni di danza in spiaggia o quelle di yoga sul terrazo. Solo noi tre. Chiuse in casa, aspettando e sperando in un tampone dall’esito negativo. Rivivo il lock down in pieno: i disturbi del sonno, mia figlia 6 ore al giorno davanti al pc, i lavoretti per intrattenere la piccola, le faccende di casa che rimandavo da secoli… Visto che sono qui, sarebbe bello leggere, ma mi…

Leggi tutto

Sotto osservazione il programma nazionale su controllo inquinamento. Ultimatum dell’Ue per l’Italia.

Ancora trenta giorni per le osservazioni sulla Valutazione Ambientale Strategica del Programma nazionale del controllo dell’inquinamento atmosferico. Intanto la Commissione europea ha avviato un processo formale contro l’Italia per violazione della direttiva sulla qualità dell’aria. Nel mirino il mancato rispetto della soglia di PM2,5. Restano meno di due mesi per dare risposte. Di Daniela Spera È ancora possibile presentare osservazioni – trenta giorni – nell’ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del Programma Nazionale del controllo dell’Inquinamento Atmosferico (PNCIA). Sotto esame gli impatti sull’ambiente derivanti dall’attuazione del Piano stesso…

Leggi tutto

L’assenza spettacolare

No, stavolta non danzeremo davanti alle telecamere dei nostri computer. Non reciteremo, non faremo video, non regaleremo lezioni online. No. No. No. Non di nuovo. No. Stavolta non ci riesco. Non scriverò perché è importante manifestare. Non cercherò di illustrare le mie ragioni a tutti quelli che mi hanno fatto notare quanto sia ‘inappropriato’ manifestare per i diritti dei lavoratori dello spettacolo proprio ora, in un momento così delicato per tutti. Non vi racconterò della forza delle donne in Polonia e di come loro siano un esempio vivo di quanto…

Leggi tutto

Garantiti e no

”La pandemia potrebbe essere una buona occasione per chiarirci almeno le idee e le parole. Un’occasione per riscoprire il valore della solidarietà, se non fra classi, almeno fra categorie. A partire da una giusta ed equa contribuzione di tutti, e non solo di alcuni, per far fronte, ad esempio, ai momenti difficili come questo” Di Luigi Cazzato C’è da tempo in Italia una sorta di guerra civile a bassa intensità fra le categorie sociali, che la pandemia ha solo esacerbato. Lavoratori autonomi contro dipendenti pubblici, fornai contro insegnanti, insegnanti di…

Leggi tutto

Non un giorno senza sorriso

In una settimana abbiamo vissuto secoli. Però tornando indietro: pestilenze, decapitazioni, ignoranza, rivolte… benvenuti nel medioevo! Un incubo infinito, perfetto preludio ad Halloween, la festa dei mostri, appunto. Ho provato a distrarmi dalle mie sventure personali rivolgendo lo sguardo altrove, ma non sono riuscita a trovare molto conforto. Stanno tutti male, tutti senza soldi, tutti senza lavoro, tutti limitati da qualche forma di lock down più o meno pesante. In tutto il globo. In Italia, in 10 giorni, si sono susseguiti 6 nuovi decreti. Venerdì scorso era uscito quello con…

Leggi tutto