Marilù Mastrogiovanni, nominata presidente della giuria Unesco

“Una Chair per chi non ha voce” di Marilù Mastrogiovanni   Vi do una grande notizia che ha dell’incredibile! La direttrice generale di Unesco Audrey Azoulay mi ha nominata “Chair” (Presidente) della giuria che assegna il World press freedom prize “Guillermo Cano” di Unesco, il premio mondiale per la libertà di stampa assegnato ogni anno ad un/una giornalista che si è distinto per il suo impegno al servizio della libertà di stampa e d’espressione. Leggi qui: https://en.unesco.org/news/two-leading-women-journalists-join-2021-jury-unescoguillermo-cano-world-press-freedom-prize Già da due anni presto servizio come componente della giuria composta da sei…

Leggi tutto

Ve la diamo gratis

di Thomas Pistoia Ve la diamo gratis. La lista di donne uccise negli ultimi anni da mariti, fidanzati, compagni, qualche volta perfino da sconosciuti. Ne viene uccisa almeno una al giorno, di donna, a volte anche di più. Ne hanno ammazzate un paio anche oggi, sapete? Vi diamo gratis anche i referti ospedalieri di altre donne che invece sono sopravvissute a stupri, botte e sevizie. Così potete leggerli. Vi diamo gratis le loro radiografie. Vi diamo gratis un ingresso in un centro antiviolenza. Non siete mica degni di entrarci, ma…

Leggi tutto

Vite di C’era, un libro sulle risorse dell’empatia e sul suo effetto “nepente”

di Antonio Lupo Antonio Romano, giovane  infermiere presso l’Ospedale civile di Casarano, è autore del libro intitolato Vite di C’era, Musicaos, 2020. Gli abbiamo rivolto alcune domande. Nepente, parola di  origini mitologico-letterarie, è il nome dell’infermiere-protagonista, prima regista e poi attore. Che cosa ci può dire a questo proposito ? Nella mitologia greca il nepente risulta essere un farmaco in grado di lenire le sofferenze e il dolore. Etimologicamente si scompone in due parole: ne (non) e pénthos (dolore o pena), appunto non-dolore. Pochi i passi in cui, il richiamo…

Leggi tutto

Tragicamente ridicolo. Notizie dall’interno degli Stati Uniti.

US Capitol

Come è possibile che un gruppo di facinorosi riesca ad assaltare e a bloccare i lavori del Parlamento in seduta comune della nazione più potente del mondo? Una lezione anche per l’Italia. Poichè sicuramente il mio capo e tutti i colleghi saranno impegnati anche oggi a guardare incessantemente i canali TV di informazione, posso dedicare un po’ di tempo a raccontare alcuni dettagli su ciò che sta accadendo a Washington DC in questi giorni e che magari sfuggono ai media tradizionali che riportano questi eventi in Italia. Comincio con il…

Leggi tutto

Il testamento del 2020

di Thomas Pistoia Al trecentosessantacinquesimo arriva il vento. Una folata sola, ma fortissima. Un pugno, uno schiaffo, come la decompressione negli incidenti aerei. Voi esseri umani la chiamate “morte”, noi Anni lo chiamiamo passato. Ci sposta, ci manda via. All’improvviso non ci siamo più e al nostro posto arriva un altro. Un passaggio che si ripete senza sosta, senza fine. Ma io sono qui. Sto resistendo. Mi sono aggrappato alla soglia che si affaccia su quello che è già stato e sto orizzontale, sospeso, con le dita che quasi mi…

Leggi tutto

Il minusvalore burocratico

Karl Marx

  Quando la burocrazia diventa nemica del lavoratore, riduce la ricchezza e mortifica la popolazione.   L’Ordine dei Giornalisti della Puglia mi ha appena inviato una diffida perchè non ho un’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). Hanno ragione, è obbligatoria per tutti gli iscritti all’Ordine e ho provveduto subito ad attivarne una. Ho sempre rifiutato di attivare la PEC perchè la ritengo inutile e, soprattutto, moralmente inaccettabile. Esiste solo in Italia e in nessun altro paese del mondo. Ora, se tutti il resto delle nazioni riesce a gestire sistemi burocratici…

Leggi tutto

Caso Taranto. L’eco-arte come reazione al colonialismo ambientale

Recensione Di Daniela Spera Immaginate un futuro diverso. Se la città di Taranto fosse un enorme quadro sarebbe tutta da ridipingere. Con i colori del mare, delle campagne, degli ulivi secolari. Quei colori da tempo sono sbiaditi, offuscati dal grigio dei fumi e dal rosso del ferro. È facile catturare le immagini di una città aggredita dall’inquinamento. Basta una foto che, tuttavia, difficilmente può raccontare la sofferenza, l’angoscia, la storia straziante di una città sacrificata al colonialismo industriale. Ma quando le immagini prendono forma nei disegni, nei fumetti, spesso la…

Leggi tutto

Tre doni e un saluto

Mappa per l’ascolto Dunque, per ascoltare avvicina all’orecchio la conchiglia della mano che ti trasmetta le linee sonore del passato, le morbide voci e quelle ghiacciate, e la colonna audace del futuro, fino alla sabbia lenta del presente, allora prediligi il silenzio che segue la nota e la rende sconosciuta e lesta nello sfuggire ogni via domestica del senso. Accosta all’orecchio il vuoto fecondo della mano, vuoto con vuoto. Ripiega i pensieri fino a riceverle in pieno petto risonante le parole in boccio. Per ascoltare bisogna aver fame e anche…

Leggi tutto

Vietato vivere

VIETATO: andare a teatro, visitare un museo, perdersi in una biblioteca, vedere un film al cinema, ascoltare musica dal vivo, danzare, uscire la sera, fare feste, organizzare un festival di eventi dal vivo, abbracciare un amico, baciare un non congiunto, avvicinarsi troppo, socializzare, andare al luna park, visitare le bancarelle della fiera, manifestare, piangere tutti insieme a un funerale, ritrovarsi in sala d’attesa ad aspettare la nascita del bambino di un’amica, visitare qualcuno in ospedale, organizzare un pigiama party, farsi male e avere bisogno del pronto soccorso, andare a letto…

Leggi tutto

Barbara

IO SONO UNA SELVAGGIA ANIMALESSA DA PALCO e, qualunque cosa accada, tale resto in ogni mia espressione. La scrittura fa parte della mia vita da sempre. Nelle pagine dei miei diari ho saputo trovare rifugio dalle tempeste. Nei miei spettacoli, azioni e movimenti nascono sempre partendo dai miei scritti. Ma scrivere è sempre stato qualcosa di intimo per me. Poi è arrivato un ciclone chiamato Marilù Mastrogiovanni, direttora de Il Tacco d’Italia. Se non fosse stata una sua idea e se non fosse stata così convinta, non avrei mai scritto…

Leggi tutto