Sentenza CEDU. Informato il consiglio d’Europa su sentenza Tar Lecce.

“La violazione degli articoli della CEDU va intesa in relazione alla condotta posta in essere dallo Stato italiano convenuto per non aver adottato esso stesso le dovute misure a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini nonostante fosse nota alle autorità la grave situazione ambientale e sanitaria, anche alla luce di richieste ufficiali giunte dalla magistratura inquirente” di Legamjonici La sentenza del 24 gennaio 2019 della Corte Europea dei Diritti Umani ha sancito la condanna dello Stato Italiano in merito al caso Ilva. La Corte ha riconosciuto la violazione degli…

Leggi tutto

Progetto Tempa Rossa: Eni carente sul monitoraggio ambientale

Di Daniela Spera Procede il cantiere per la realizzazione del progetto Tempa Rossa che origina dalla Basilicata e coinvolge anche Taranto dove Eni gestirà lo stoccaggio e la movimentazione del petrolio. In attesa di sapere se ci sarà una nuova Via per il progetto di rafforzamento del pontile  arriva per Eni un ‘no’ dal Ministero dell’Ambiente. Taranto – Si è conclusa con esito “negativo” la procedura di Verifica di Ottemperanza inerente il progetto di adeguamento delle strutture della raffineria di Taranto per lo stoccaggio e la movimentazione del greggio proveniente…

Leggi tutto

Covid-19: il crimine organizzato è diventato multinazionale

Di Vincenzo Musacchio* L’era del Covid-19 sarà ricordata anche come il periodo storico in cui per la prima volta le mafie mondiali creano, di fatto, una “Associazione del Crimine Organizzato Transnazionale”. Si tratta della prima organizzazione del genere nella storia delle mafie. L’hanno voluta, concepita e creata una buona parte delle mafie mondiali. Così come esiste l’Organizzazione delle Nazioni Unite, esiste anche l’Organizzazione delle Mafie Unite. Il suo atto costitutivo iniziale avviene tra la ndrangheta (la mafia più potente d’Europa) e i cartelli della droga messicani e colombiani. La collaborazione…

Leggi tutto

Ex Ilva. Processo Ambiente Svenduto. Il ruolo chiave di Liberti

Di Daniela Spera Si avvia alla conclusione il processo ‘Ambiente svenduto’. Dopo le richieste di condanna dei Pubblici Ministeri, per 35 soggetti, accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro, avvelenamento di sostanze alimentari e corruzione in atti giudiziari, concussione e omicidio colposo, ora dovranno esprimersi gli avvocati delle parti civili e degli imputati. Tra ex proprietari, ex dirigenti ed ex politici è fitto l’intreccio degli interessi celati dietro il proseguimento dell’attività siderurgica. Ma la figura che, senza…

Leggi tutto

Taranto, ex Ilva: pm chiede condanna a 28 e 25 anni per fratelli Riva

Invocati anche 28 anni per ex dirigenti stabilimento e 5 anni per l’ex governatore della Puglia Nichi Vendola, accusato di concussione aggravata. Il pm Mariano Buccoliero: “Abbraccio mortale per la città”. Per la procura necessaria confisca impianti e somma di due miliardi e 100mila euro. Il processo per disastro ambientale pende dinanzi ai giudici della Corte d’Assise di Taranto. Il Codacons: “Nessuna tonnellata di acciaio vale una vita umana” di Stefania De Cristofaro TARANTO – “Abbraccio mortale” per Taranto. Per quella morsa così definita dal pm Mariano Buccoliero, morsa che…

Leggi tutto

Ex Ilva, sindaco Taranto: “Subito accordo di programma per transizione ecologica”

Rinaldo Melucci, dopo l’ordinanza del Tar su spegnimento area a caldo entro 60 giorni: “Draghi convochi  tavolo di lavoro con enti locali e parti sociali, altrimenti lo faremo dal basso con il governatore della Puglia, Michele Emiliano: non possiamo aspettare ancora e correre il rischio che qualcuno si ammali o rischi la vita. Siamo già andati oltre”   Di Stefania De Cristofaro   TARANTO- Dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, l’appello al nuovo presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, e al neo ministro alla Transizione ecologica, Roberto Cingolani: “I…

Leggi tutto

Scommesse on line e mafia: dalla Germania alla Puglia, passando per Malta

Nell’organizzazione che riciclava denaro attraverso due società, la Wirecard, tedesca e CenturionBet, maltese, il pugliese Francesco Martiradonna, già condannato a Bari a 11 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. La ricostruzione del Financial Times: Wirecard ha elaborato i pagamenti dei casinò legati alla mafia. La società di giochi di Malta – CenturionBet – è stata utilizzata dalla Ndrangheta per riciclare denaro Fonti italiane e documenti visionati dal Financial Times hanno confermato che, fino al 2017, Wirecard (la società tedesca leader nei pagamenti online) ha elaborato pagamenti per CenturionBet, una società…

Leggi tutto

Mafia, politica e finanza: un legame sempre più forte

Le mafie ormai rappresentano un fenomeno criminale sempre più transnazionale. Esiste un trinomio ormai indissolubile: mafia, politica e finanza. La mafia si potrà sconfiggere se si spezzeranno questi tre legami che consentono al crimine organizzato di diventare sempre più potente e pericoloso. La mafia è entrata a pieno titolo in politica, nella finanza e nel mondo virtuale, per questo non conosce crisi. Ne hanno parlato con Vincenzo Musacchio – giurista, docente di diritto penale e tra i massimi studiosi di criminalità organizzata – gli studenti della School of Public Affairs and…

Leggi tutto

Ex Ilva. Storica sentenza del Tar di Lecce

Il Tar di Lecce ha respinto il ricorso di ArcelorMittal contro l’ordinanza contingibile e urgente (n.15 del 27 febbraio 2020) emanata dal Sindaco di Taranto. Dal 13 febbraio decorrono nuovamente i 60 giorni per completare lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo. Intanto la multinazionale ha annunciato ricorso al Consiglio di Stato. Di Daniela Spera E’ una sentenza storica dopo quella della Corte europea del 24 gennaio 2019. E’ una sentenza coraggiosa, al di là dei suoi effetti concreti, perché viene da un tribunale italiano. E’ segno di un cambio…

Leggi tutto

Respiro

di Barbara Toma   Quanti di noi pensano di vivere solo perché respirano? Per anni sono stata una campionessa di sopravvivenza. Respiravo, continuavo a respirare, e questo era tutto. Respirare Pratica che ci accomuna tutti, azione che segna l’inizio e la fine di ogni vita. Di vitale importanza eppure apparentemente così semplice. ‘E’ facile come respirare’ si dice, già. Respiriamo circa 23 volte più aria di quanto cibo non ingeriamo e almeno 8 volte più di quanto liquido beviamo. Eppure ci accorgiamo di quanto sia importante solo nel momento in…

Leggi tutto