#Staizitta giornalista: il libro sul linguaggio d’odio verso le giornaliste

#Staizitta giornalista, di Silvia Garambois e Paola Rizzi per l’associazione Giulia giornaliste, affronta con interviste e con una inchiesta giornalistica il problema del linguaggio d’odio sui social che, per chi fa questo mestiere, rischia troppo spesso di essere un bavaglio se non una vera e propria censura. L’insulto si trasforma in attacco, l’attacco in minaccia. Di stupro. Non solo… Per capirne di più di questo fenomeno, che si è accentuato in tempi di lockdown, Silvia Garambois e Paola Rizzi hanno intervistato sette giornaliste che hanno raccontato diversi aspetti: l’attacco perché…

Leggi tutto

Aggressione Mazzola, “metodo mafioso”: la Procura chiede quattro anni e sei mesi per Monica Laera

Bari. La pm della Dda della procura di Bari Lidia Giorgio ha chiesto quattro anni e sei mesi, che si riducono a tre perché l’imputata Monica Laera ha chiesto l’abbreviato. Aggredì e minacciò di morte l’inviata del Tg1 Maria Grazia Mazzola, frantumandole la mascella di Marilù Mastrogiovanni Per la pm Lidia Giorgio, Monica Laera, già condannata in via definitiva per mafia 416 bis, agì con la recidiva per esercitare il controllo militare del territorio con un’azione esemplare. Per questo ha chiesto quattro anni e sei mesi, che si riducono a…

Leggi tutto

Scu, Brindisi, le rivelazioni del nuovo collaboratore: un capo per quartiere, “l’imponimento, il ruolo centrale delle donne

ESCLUSIVO Andrea Romano, 35 anni, nei primi cinque interrogatori davanti ai pm della Dda di Lecce, ha consegnato i nomi di tutti gli affiliati autorizzati a gestire lo spaccio, partendo dalla moglie Angela Coffa ristretta in carcere: “Nel rione sant’Elia c’era un responsabile per ciascuna delle nostre palazzine, per alcune famiglie avevo messo l’imponimento: era una tassa da riconoscere al mio clan” BRINDISI – Spaccio di droga solo se affiliati o, in caso contrario, sotto il cosiddetto “imponimento” del clan di stampo mafioso di Brindisi, con base principale nel rione…

Leggi tutto

Bari, aggressione Mazzola: la boss Laera fratturò mandibola

Maria Grazia Mazzola giornalista RAI

Domani udienza decisiva: le perizie mediche certificano danni permanenti e fratture multiple alla mandibola di Maria Grazia Mazzola, inviata del Tg1 che fu aggredita a Bari dalla boss del quartiere Libertà Di Maria Grazia Mazzola Il 18 febbraio alle 12 presso il Tribunale di Bari, davanti al giudice Giovanni Anglana, si terrà l’udienza decisiva nel processo con rito abbreviato per l’aggressione mafiosa subita da me il 9 febbraio 2018 dalla boss mafiosa del clan Strisciuglio, Monica Laera condannata in passato con sentenza definitiva per 416bis. Un’aggressione a freddo e dimostrativa…

Leggi tutto

Prescrizione, Partito Radicale: si attende la decisione del Tribunale di Lecce sul rinvio alla Corte Costituzionale

Decisione sul ricorso di Maurizio Turco, segretario del Partito Radicale perché venga investita la Consulta sulla legge cosiddetta “Fine processo mai” dell’ex ministro Bonafede Domani 17  febbraio passerà in decisione della giudice Katia Pinto del Tribunale di Lecce il ricorso del segretario del Partito Radicale Maurizio Turco, assistito dagli avvocati Giuseppe Talò e Felice Besostri, di mandare alla Corte Costituzionale la legge sul “fine processo mai” dell’ex Ministro Bonafede.  Sulla titolarità a ricorrere in assenza di un processo in corso, è stata di recente la stessa Corte costituzionale (sentenza 278/2020) a riconoscere che tutti i cittadini hanno diritto…

Leggi tutto

Mafia a Brindisi, bomba al chiosco del nuovo collaboratore Andrea Romano

L’ordigno ha completamente distrutto la struttura in piazza Di Summa adibita a vendita del pane: era intestata alla moglie. Dell’acquisto, il brindisino aveva riferito ai pm della Dda lo scorso 15 gennaio spiegando di averlo intestato alla moglie: per gli investigatori si tratta di una ritorsione nei confronti della famiglia dell’aspirante pentito Brindisi – L’esplosione prima dell’alba. Un boato fortissimo che ha svegliato i residenti della zona. Il chiosco della piazza completamente distrutto. Distrutto da una o più bombe collocate davanti all’ingresso della struttura di fronte al vecchio ospedale Di…

Leggi tutto

Mafia a Brindisi, il nuovo collaboratore di giustizia: “Ero il boss, pronto a fare guerra a tutti”

Andrea Romano, 35 anni, davanti ai pm dell’Antimafia di Lecce ha confessato di essere stato a capo di un clan mafioso con base nel rione Sant’Elia e ha consegnato un manoscritto: “Questi sono già affiliati e questi in attesa, dopo la promessa”. Nei verbali ha ricostruito i canali di approvvigionamento della cocaina: “Su navi dalla Grecia, 40 chili al mese”. Ha ammesso di aver avuto bombe e tritolo: “Per le estorsioni”. E di aver ottenuto telefonini in carcere e di essere anche riuscito a parlare con i suoi fidati attraverso…

Leggi tutto

Esperte pugliesi costruttrici di futuro”, nasce il gruppo di lavoro

Una Think tank stimolata da Creis, Centro di ricerca europeo per l’innovazione sostenibile, chiama a raccolta tutte le Università pugliesi e gli enti pubbilci. Obiettivo: valorizzare le esperte di tutti i settori della conoscenza e dare loro voce sui media. Primo passo: costruire una banca dati, sul modello di quella delle “100 esperte” di Giulia giornaliste Si è insediato il Gruppo del Progetto “Esperte pugliesi Costruttrici di Futuro”, promosso dall’Associazione CREIS (Centro Ricerca Europea per l’Innovazione Sostenibile). Il progetto ha preso le mosse a seguito della firma del protocollo di…

Leggi tutto

Giudice arrestato, minacce ai genitori di un bimbo disabile per avere 150mila euro

DOSSIER/2 A Brindisi, negli uffici della Finanza, il racconto in lacrime della coppia: “Il giorno più brutto della nostra vita, disse che ci avrebbe tolto nostro figlio perché conosceva tutti, sindaco, assessori e gente della criminalità. Abbiamo pagato, dopo aver ottenuto il risarcimento danni dalla Asl. Che avreste fatto al posto nostro? Voleva che comprassimo una piccola casa in Grecia, in modo che venendo lui con la sua barca a vela, poteva attraccare e fare una sosta ” Di Stefania De Cristofaro BRINDISI – “Crudeltà gratuita” e “compiacimento” nel caso…

Leggi tutto

Comune di Brindisi, tre filoni d’inchiesta per corruzione: 9 indagati, anche ex sindaco

Avviso di conclusione indagine notificato a Mimmo Consales, nel 2015 e 2016 primo cittadino, all’ex assessore all’Urbanistica, all’ex capogruppo del Pd e a un ex consigliere comunale. Secondo l’accusa, in cambio della nomina del figlio di quest’ultimo nello staff, il padre votò la delibera di assestamento di bilancio. Accertamenti partiti dall’intercettazione di un Sms in cui Massimiliano Oggiano, esponente di minoranza, sollevava dubbi sull’effettivo valore di immobile ceduto dall’Ente alla partecipata Multiservizi per ripianare le perdite   di Stefania De Cristofaro   BRINDISI – Tre filoni d’inchiesta, coordinati dalla procura…

Leggi tutto