Ex Ilva, Eurispes: “Chiudere”, ministro Giorgetti: “Rilanciamo”

Mentre il Rapporto Eurispes 2021 propone di liberare Taranto dall’industria pesante attraverso la chiusura dell’acciaieria, il ministro allo sviluppo economico Giancarlo Giorgetti rilancia a Bruxelles la produzione d’acciaio. Ma assicura: in modo ‘ecologico e ambientalmente compatibile’. Di Daniela Spera ‘Per quanto riguarda Ilva, siamo in attesa della sentenza (del Consiglio di Stato ndr), ma l’obiettivo del Governo, coerentemente con quanto scritto nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, è esattamente di produrre acciaio a Taranto in modo ecologico e ambientalmente compatibile, utilizzando l’idrogeno’, ma solo quando, ‘sarà una tecnologia funzionale…

Leggi tutto

‘Mano Mozza’, genesi e sviluppo del clan Annacondia

A partire dalla metà degli anni ’80 ‘mano mozza’, capo di una sanguinosa organizzazione mafiosa, ha seminato terrore fino ai primi anni ’90. La Puglia era un territorio strategico per le cosche calabresi, siciliane e campane. A nord di Bari, c’era terreno fertile per fondare una nuova organizzazione di stampo mafioso. Due giovani giornaliste ci raccontano la mafia pugliese in quegli anni, nel libro ‘Mano Mozza’. A pochi giorni dall’anniversario della strage di Capaci, continuare a parlarne è un dovere. di Daniela Spera Qualche giorno fa, il Comando provinciale della…

Leggi tutto

Ilva, Ambiente Svenduto. Corte in Camera di Consiglio, tra dieci giorni la sentenza

Si è svolta ieri l’ultima udienza del processo ‘Ambiente Svenduto’ sul disastro ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico sotto la gestione del gruppo Riva (1995-2012). La Corte d’Assise di Taranto si è riunita dalle 23,00 in Camera di Consiglio. Prima di ritirarsi col collegio giudicante, il presidente della Corte, Stefania D’Errico, ha letto una ordinanza con la quale ammette tutti i documenti presentati nelle ultime udienze da accusa e difesa. di Daniela Spera La Corte resterà riunita nella scuola sottufficiali della Marina Militare di Taranto sino a sentenza. Ancora dieci giorni…

Leggi tutto

Ex Ilva. Consiglio di Stato: rinviata decisione su chiusura impianti inquinanti

di Daniela Spera Il Consiglio di Stato non ha ancora deciso sul destino dell’ex Ilva. La decisione potrebbe arrivare tra due settimane. E’ rimasto deluso chi si aspettava, ieri, una risposta in favore della tutela della salute pubblica. Per molte associazioni e cittadini di Taranto l’unica soluzione resta la chiusura degli impianti inquinanti. E non si placherà la rabbia di chi crede in questo obiettivo. Si è svolta, ieri, l’udienza del Consiglio di Stato sull’ex Ilva. Presenti ArcelorMittal Italia, gestore del siderurgico di Taranto, Ilva in amministrazione straordinaria, proprietaria degli…

Leggi tutto

‘Giustizia per Taranto’ presenta esposto contro ArcelorMittal e Acciaierie d’Italia

Di Daniela Spera Si svolgerà questa mattina, a Roma, il secondo sit in delle associazioni tarantine che oggi attendono la sentenza del Consiglio di Stato. A sostegno dell’iniziativa, l’associazione ‘Giustizia per Taranto’ ha depositato un esposto in procura per l’inquinamento prodotto dall’ex Ilva da ottobre 2019 a maggio 2021. L’iniziativa ha coinvolto anche alcuni cittadini del quartiere Tamburi. Non v’è stato giorno di vento’– si legge nell’esposto- ‘in cui gli abitanti (quantomeno) del quartiere Tamburi non siano stati costretti ad alzare, già solo dai loro balconi, le polveri provenienti dalla…

Leggi tutto

Ex Ilva. Sentenza Consiglio Stato, presidio a Roma 12-13 maggio

di Daniela Spera È molto attesa l’udienza del Consiglio di Stato del 13 maggio che deciderà se confermare o meno la sentenza del Tar Lecce dello scorso febbraio che ha ordinato lo spegnimento entro 60 giorni degli impianti ex Ilva. Sul piede di guerra alcune associazioni di Taranto pronte a manifestare a Roma il 12 e 13 maggio Alcune associazioni ambientaliste di Taranto e liberi cittadini hanno promosso per il 12 e 13 maggio a Roma due presidi di protesta, uno in piazza San Silvestro e l’altro in piazza Montecitorio.…

Leggi tutto

Ex Ilva. Più tempo dal Tar Lazio per la chiusura nastri trasportatori.

ArcelorMittal avrà più tempo per ottemperare alla copertura dei nastri trasportatori. Questa la decisione del Tar del Lazio che accoglie di fatto le istanze dell’azienda cui raccomanda comunque di effettuare gli interventi “con la massima celerità”. Eppure tra la prima richiesta di proroga e il termine che le era stato concesso ArcelorMittal ha già goduto di un margine di tempo elevato. L’attesa continua. Di Daniela Spera Taranto – Il Tar Lazio ha accolto il ricorso di ArcelorMittal, concedendo più tempo per la copertura dei nastri trasportatori dello stabilimento siderurgico. Il…

Leggi tutto

Bonifica siti inquinati, tra cui Taranto: Recovery plan nebuloso

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) è in questi giorni al centro della discussione politica. Entro il 30 aprile il governo Draghi dovrà presentare il piano in Commissione europea a Bruxelles. Il mancato rispetto di questa data potrebbe far slittare l’atteso finanziamento di 20 miliardi di euro per l’Italia. Gli aspetti legati alla bonifica dei Siti di Interesse Nazionale (Sin) restano però nebulosi. Di Daniela Spera C’è un inspiegabile vuoto nel Pnrr sul tema delle bonifiche e del risanamento dei territori inquinati a partire da Taranto. È quanto…

Leggi tutto

Taranto, rifiuti radioattivi: esauriti i fondi smaltimento ex Cemerad

Ritorna in uno stato di abbandono il capannone dell’ex Cemerad che da diversi anni ospita fusti deteriorati colmi di rifiuti radioattivi, anche provenienti da Chernobyl. Per il sito fatiscente il governo stanziò oltre 9 milioni di euro che avrebbero dovuto garantire l’intera operazione di bonifica. La cifra, che venne fissata con legge n. 20 del 4 marzo 2015, si è rivelata insufficiente. Di Daniela Spera Non c’è pace per i cittadini di Statte che vivono nei pressi del capannone ex Cemerad. Gli interventi di recupero dell’area, sottoposta a sequestro giudiziario…

Leggi tutto

‘Colonia Basilicata’. Il dramma di una regione del Sud

È il libro inchiesta di un ‘attivista pericoloso’ che offre un viaggio, anche visivo, nel dramma ambientale lucano. Giorgio Santoriello, con l’associazione Cova Contro, nel libro ha raccolto dati e raccontato come lo strapotere delle compagnie petrolifere controlla politica e territori. di Daniela Spera Il 26 marzo sul canale Facebook di JonicaTV è stato presentato il libro ‘Colonia Basilicata’ (Giorgio Santoriello – Gli articoli dell’editore – Mondadori Store) di Giorgio Santoriello, fondatore dell’associazione Cova Contro (CovaContro.org). Leitmotiv dell’evento il petrolio che lega Puglia e Basilicata. L’autore non usa mezzi termini…

Leggi tutto