Bari, mafia: aggressione a giornalista Rai1, al via processo d’appello

di Marilù Mastrogiovanni

Bari. Inizia domani il processo d’appello per l’aggressione mafiosa dell’inviata di Rai 1 Mari a Grazia Mazzola da parte di Monica Laera, boss del clan Strisciuglio-Mercadante, già condannata in via definitiva per associazione mafiosa (416 bis). Laera è stata condannata in primo grado ad un anno e quattro mesi di reclusione, con l’aggravante mafiosa, per lesioni e minacce di morte all’inviata di Rai 1. Dinanzi al Tribunale si svolgerà un sit in di solidarietà partecipato da Libera di don Ciotti e Usigrai. Sette le costituzioni di parte civile affianco alla giornalista: l’associazione Libera di don Ciotti con l’avvocata Enza Rando, la Rai, il sindaco di Bari Decaro, Stampa Romana, l’FNSI, l’Ordine Nazionale dei Giornalisti. A sostegno della giornalista Mazzola sarà presente
Daniele Macheda Segretario Nazionale Usigrai.
Mazzola sei anni fa stava realizzando un’inchiesta sui clan baresi e la loro influenza sui più giovani e stava ponendo domande per strada, nel quartiere Libertà.
“Non è accettabile che una cronista– dichiara la giornalista Mazzola- debba essere picchiata da una mafiosa sul suolo pubblico
mentre pone domande che sono il sale del giornalismo del servizio pubblico. Ho subito lesioni permanenti. La libertà di informazione è sacra, il sale della professione, e nessun potere deve condizionarla. Il giudice di primo grado ha sancito che ho
rotto l’omertà nel quartiere Libertà controllato dal clan Strisciuglio a Bari con la mia inchiesta. Chiederemo con tutti i legali di parte civile la riconferma della condanna del boss che mi picchiò”
.

Per saperne di più:

Mazzola, “un’ostinata” giornalista che non ha smesso di indagare nell’omertà diffusa

Aggressione Mazzola, condannata Laera: riconosciuto il metodo mafioso

Aggressione Mazzola, “metodo mafioso”: la Procura chiede quattro anni e sei mesi per Monica Laera

Mazzola non diffamò Laera, archiviata la querela della boss del Libertà

Siamo tutte Maria Grazia

Bari, fu un’aggressione mafiosa quella ai miei danni

Mazzola, giornalista TG1 aggredita a Bari: per la Procura è mafia

Aggressione a Maria Grazia Mazzola, il Cdr della Tgr Rai Puglia: «Solo falsità su di noi. Siamo in prima linea contro le mafie»

Leave a Comment