Rifiuti, abbandonare non è un’opzione. Salviamo la Puglia

La Regione ha avviato una campagna di comunicazione per contrastare il fenomeno puntando sulla promozione della sensibilità verso l’ambiente. Stanziati 2 milioni di euro per il risanamento dei siti pubblici

di Stefania De Cristofaro

BARI – Lotta a tutto campo contro l’abbandono dei rifiuti. La Regione Puglia ha varato una campagna di comunicazione finalizzata alla sensibilizzazione e al contrasto del fenomeno del “littering”, parola inglese entrata a far parte anche del nostro vocabolario per indicare l’abbandono indisciplinato di rifiuti di piccole dimensioni negli spazi pubblici. Il claim scelto è: “Abbandonare i rifiuti non è un opzione. Salva la Puglia”.

L’appello è stato definito dalla struttura della Comunicazione Istituzionale e da PugliaPromozione e punta sull’istante che precede l’abbandono dei rifiuti per porre i cittadini di fronte a una scelta: rompere un equilibrio o contribuire a preservarlo? Il punto è questo. Ed è questo l’interrogativo che ognuno deve porsi. Solo chi non ha maturato una sensibilità ambientale può ancora valutare innocuo l’abbandono dei rifiuti.

Il programma è stato definito dalla giunta con delibera adottata il 4 luglio scorso, su proposta dell’assessorato all’Ambiente, attraverso una serie di azioni affidate ai singoli Comuni, con il diretto coinvolgimento dei cittadini e con il supporto delle forze dell’ordine.

L’esecutivo punta innanzitutto a “rafforzare il presidio territoriale e la dotazione strumentale per il controllo e monitoraggio degli abbandoni dei rifiuti”, quindi a “favorire l’utilizzo e il potenziamento dei servizi utili al conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini” e a “sensibilizzare i cittadini agendo sui comportamenti individuali e collettivi, migliorando il senso di appartenenza al territorio e promuovendo la partecipazione attiva nella cura dei beni e degli spazi comuni”

Con l’obiettivo di realizzare con urgenza interventi di risanamento ambientale e paesaggistico delle aree oggetto di rifiuti abbandonati la giunta della Regione Puglia ha previsto lo stanziamento di 2 milioni di euro da destinare ai Comuni che ne faranno istanza a seguito della pubblicazione di un avviso pubblico che premierà, le Amministrazioni cittadine virtuose. Virtuose cono quelle che superano il 65% della raccolta differenziata, alle quali verrà riconosciuto il 100% del costo dell’intervento di rimozione dei rifiuti.

“Il territorio regionale è, purtroppo, ancora interessato da un rilevante fenomeno dell’abbandono indiscriminato di rifiuti, provenienti sia da utenze domestiche che da utenze non domestiche”, ha sottolineato l’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Anna Grazia Maraschio. “I rifiuti invadono aree pubbliche, zone periferiche, aree a verde e costiere, zone industriali, strade comunali, provinciali e statali. E’ in fenomeno di grande impatto che non può che trovare una ferma condanna da parte di tutti noi”, ha detto. “Serve una forte campagna di comunicazione che abbia come obiettivo il diffondere nella comunità la consapevolezza che abbandonare rifiuti è un gesto molto grave e una pratica incivile. È necessario, quindi, il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei cittadini e il rafforzamento dell’infrastruttura necessaria al corretto conferimento dei rifiuti e delle attività di vigilanza, controllo e repressione di detto fenomeno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment