Faccende di casa sostenibili, quando l’aiuto al pianeta passa da casa nostra

Le faccende domestiche possono essere sostenibili, nonostante molte persone utilizzino ancora molti prodotti usa e getta e bottiglie di plastica. Vediamo quindi come aiutare il pianeta, anche solo a partire da piccoli gesti quotidiani, messi in atto durante le pulizie.

Alcuni consigli

Il primo tip da mettere in pratica è l’adozione di prodotti sfusi o naturali, piuttosto che di detersivi conservati in bottiglie di plastica: si tratta di un primo passo per ridurre l’impatto ambientale delle faccende domestiche. I vantaggi dell’utilizzo di ingredienti naturali stanno nel fatto che non sono tossici e non inquinano. Per quanto riguarda i prodotti sfusi, conviene ricorrere a questa soluzione per una serie di motivi, che includono la riduzione dei rifiuti da imballaggio (poiché si trovano in contenitori riutilizzabili che possono essere restituiti dopo l’uso o riutilizzati per un altro scopo), nonché un costo inferiore.

Il secondo consiglio è quello di non usare più prodotto del necessario. In questo modo si eviteranno gli sprechi e ne ringrazierà non solo il pianeta ma anche il portafoglio. Non per nulla una delle domande più comuni che sorgono quando si considera un approccio più sostenibile alle pulizie è “quanto ne devo usare?”. Non esiste una regola ferrea: dipende dal tipo di superficie che si sta pulendo, dal grado di sporco e dal tipo di risultato che si desidera ottenere. In generale, però, meno è meglio. L’ideale è iniziare con una piccola quantità di detergente, aggiungendone di più se necessario, finché il pavimento o il piano d’appoggio non appaiono sufficientemente puliti.

Utilizzare energia da fonti rinnovabili per la propria casa è un altro ottimo modo per ridurre l’impatto ambientale. Questo è particolarmente vero quando si devono fare le faccende domestiche e si accendono lavatrici e vari elettrodomestici per pulire. Affidarsi all’energia verde, come quella messa a disposizione da Accendi, può davvero fare la differenza in termini di sostenibilità. Ci si può rivolgere a un fornitore o anche prendere in considerazione l’installazione di pannelli solari, nel caso in cui se ne abbia la possibilità.

Oltre a usare meno prodotto per le pulizie, ci sono altri modi per contribuire a ridurre gli sprechi e a proteggere le risorse del nostro pianeta: acquistare prodotti realizzati con materiali riciclati ogni volta che è possibile; riutilizzare gli stracci invece di comprarne sempre di nuovi; usare contenitori riutilizzabili per conservare gli alimenti invece di sacchetti o involucri di plastica. Un altro aspetto da tenere in considerazione riguarda l’uso della lavatrice, da mettere in funzione sempre a pieno carico. Questo però senza esagerare, dato che riempiendola troppo si rischia di dover rilavare tutto a causa dei cattivi odori. Quando laviamo i vestiti a mezzo carico, però, sprechiamo acqua ed energia e immettiamo più sostanze chimiche nell’ambiente. È importante quindi trovare una via di mezzo, in modo tale da massimizzare l’efficienza di questo elettrodomestico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment