Funzione giudiziaria in vendita: la storia dell’ex procuratore di Taranto Capristo, tra favori, intrecci e complotti

I pubblici ministeri di Potenza chiedevano i domiciliari per l’ex magistrato, già arrestato a maggio 2020 e poi rimesso in libertà, per tentata concussione dopo la denuncia della pm Silvia Curione: il gip ha disposto l’obbligo di dimora. E’ accusato di corruzione in atti giudiziari: atteggiamento aperto e favorevole verso Ilva anche dopo 2 incidenti mortali e tentativo di patteggiamento nel processo Ambiente svenduto sul disastro ambientale. In carcere l’avvocato siciliano Piero Amara, ritenuto autore degli esposti anonimi contro l’ad De Scalzi, e il poliziotto Filippo Paradiso che millantava di…

Leggi tutto