Inchiesta ex capo pm Taranto, atti da 5 procure: Milano, Perugia, Roma, Trani e Messina

Spunta l’interrogatorio reso dal poliziotto amico di Carlo Maria Capristo, Filippo Paradiso, 55 anni, originario di Matera ma residente a Modugno, il 22 febbraio 2020: “L’ho presentato io all’avvocato Piero Amara a una cena di beneficenza, ma non ho mai favorito la nomina a capo pm nella città ionica. All’epoca era stato fatto il nome di un altro magistrato e Capristo riteneva di avere subito un’ingiustizia tanto che presentò ricorso al Tar”. L’agente è imputato per traffico di influenze illecite a conclusione dell’inchiesta dei magistrati di Roma: secondo l’accusa Amara…

Leggi tutto

Inchiesta sull’ex procuratore di Taranto, ascoltata anche presidente del Senato

Casellati sentita dai pm il 10 luglio 2020 sul poliziotto di Matera, Filippo Paradiso: è la figura ritenuta centrale dai magistrati di Potenza, secondo cui c’è stata una lobbing per sponsorizzare la nomina di Carlo Maria Capristo nella città ionica. L’agente è finito in carcere l’8 giugno scorso per corruzione in atti giudiziari assieme all’avvocato siciliano Piero Amara. Il verbale riportato nell’ordinanza: “Primo incontro nell’autunno 2015 a una cena. Gianni Letta mi parlava assai bene di lui, mi chiese se potevo accoglierlo nel mio staff e lo feci a titolo…

Leggi tutto

Una petizione per salvare il paesaggio degli ulivi del Salento

Pubblichiamo la petizione per salvare il paesaggio ulivetato del Salento. Un grido di dolore della Natura LETTERA APERTA al Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano  al Presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva al Presidente della Provincia di Brindisi Riccardo Rossi al Presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti alla Procura della Repubblica c/o Tribunale di Lecce, Brindisi e Taranto ai Comandi provinciali dei Carabinieri delle province di Lecce, Brindisi e Taranto alla ASL, Dipartimento di Prevenzione, delle province di Lecce, Brindisi e Taranto ai Comandi provinciali dei Vigili del…

Leggi tutto

Ex Ilva, Consiglio di Stato: “L’area a caldo non si chiude”, ma Taranto dice “basta”

Bocciata in appello la sentenza del Tar di Lecce che aveva imposto la chiusura. L’analisi della sentenza e la reazione dei cittadini. Di Daniela Spera Ribaltando la sentenza del Tar Lecce che aveva invece confermato, dopo una prima sospensiva, gli effetti dell’ordinanza, il Consiglio di Stato ha accolto i ricorsi di ArcelorMittal e di Ilva in amministrazione straordinaria sostenendo che ‘il potere di ordinanza non risulta suffragato da un’adeguata istruttoria e risulta, al contempo, viziato da intrinseca contraddittorietà e difetto di motivazione’. E conclude che ‘va dichiarata l’illegittimità dell’ordinanza impugnata…

Leggi tutto

Inchiesta sull’ex procuratore di Taranto: accordi corruttivi e lobbying per la nomina

Il gip di Potenza ha ricostruito la ragnatela attorno all’ex magistrato Carlo Maria Capristo: a conclusione dell’incarico a Trani accetta il contributo dell’avvocato siciliano Piero Amara, già consulente Eni, per raccomandare il suo nome in cambio dello stabile asservimento agli interessi personali del legale interessato a incarichi conferiti da Ilva in Amministrazione straordinaria. Relation man del professionista è considerato il poliziotto Filippo Paradiso che si attiva su piani politici, giudiziari e imprenditoriali. Ricostruito anche il cosiddetto complotto Eni ai danni di De Scalzi. La procura precisa: Nessuna indagine sulla liceità della condotta di alcuni componenti del Csm

Leggi tutto

Fantasy Era, la rivista che mancava

La vicepresidente della cooperativa IdeaDinamica (che è anche casa editrice del Tacco d’Italia) lancia un interessante progetto editoriale e culturale, assieme ad un gruppo di appassionati del genere letterario Fantasy. Al via una campagna di crowdfunding per realizzare questo bel sogno. Noi lo sosteniamo, e voi? Parte oggi la prima campagna Kickstarter di Fantasy Era, portale di informazione dedicato al fantasy e alla cultura fantastica. La campagna di raccolta fondi sarà destinata a finanziare la realizzazione della semestrale cartaceo, realizzata dalla redazione, collaboratori e partner.        I focus della rivista, nel…

Leggi tutto

Sant’Oronzo profanato

Non bastava aver annullato ogni valore storico a furia di raschiatoio e di pietra molare, ma si doveva anche dare il protettivo trasparente a quello che ci restava, modificando in senso negativo il colore tipico delle patine spontanee verde-azzurre, con un risultato ottico falsificante. di Luca Fiocca Non bastava aver tolto a furia di raschiatoio e di pietra molare il colore dei secoli, annullando ogni valore storico, archeologico ed artistico di quella stupenda opera veneziana. Non bastava questo, ma si doveva anche dare il protettivo trasparente a quello che ci…

Leggi tutto

Nuovo maxistore a Nardò: un’opportunità per l’economia locale

Intervista a Michele Sgaramella, direttore delle Vendite di Apulia Distribuzione che ha inaugurato ieri il Maxi Store Carrefour Market – Rossotono a Nardò (Lecce) di Alessandra Bianco Oltre 50 nuovi posti di lavoro, una presenza massiccia di fornitori locali che nelle categorie della gastronomia, macelleria, pescheria e produzione di vini supera il 50%, una grande predominanza di prodotti freschi a km zero testati quotidianamente e una collaborazione costante con i produttori del territorio per garantire affidabilità e tracciabilità di ogni prodotto. Apulia Distribuzione, il Centro di Distribuzione fondato nel 2001…

Leggi tutto

“Ambiente svenduto”, le condanne arrivano al Consiglio d’Europa

Era il 24 Gennaio 2019 quando la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo stabilì per la prima volta che gli impianti ex-Ilva rappresentavano un pericolo per la salute dei cittadini di Taranto. Ulteriore conferma è stata data dalla Corte d’assise di Taranto che, pochi giorni fa, ha comminato una serie di max-condanne, ribadendo che l’attività degli impianti ha causato malattie, decessi e inquinamento ambientale. Peraltro la confisca dell’area a caldo, principale responsabile dell’inquinamento, imposta dalla stessa Corte d’Assise, non potrà avere effetti immediati. In tutto questo il vero latitante sembra essere…

Leggi tutto