Scu Brindisi, nuovo collaboratore: “Traffico cocaina su navi dalla Grecia, 40 chili al mese”

ESCLUSIVO/5 Andrea Romano, 35 anni, di Brindisi, lo scorso 22 gennaio ha disegnato davanti ai pm dell’Antimafia la rotta degli approvvigionamenti della droga, in gergo chiamata “la b”: “Il nostro clan si è avvalso del canale gestito da Renato De Giorgi, droga stoccata nel porto e poi trasferita a Bari, Roma e Napoli”. Collegamenti coi clan calabresi.

BRINDISI –Non è più top secret il canale di approvvigionamento della “b”, nome in codice per indicare la cocaina che per il clan di stampo mafioso con a capo Andrea Romano, 35 anni di Brindisi, costituiva la principale fonte di business. Romano, in veste di nuovo collaboratore di giustizia, ha confessato anche questo. Ha tracciato la rotta che conduce(va) in Grecia e ha fatto anche i nomi di brindisini suoi fornitori di fiducia, organizzatori del traffico internazionale di cocaina su navi. Con carichi sino a 40 chilogrammi, al mese.
 

IL VERBALE DEL 22 GENNAIO SCORSO SULLE FONTI DI APPROVVIGIONAMENTO DELLA DROGA

Cosa ha riferito sul capitolo droga, con particolare riferimento ai carichi della sostanza stupefacente più richiesta, è leggibile nel verbale firmato il 22 gennaio scorso, a un mese di distanza dall’inizio del percorso ufficiale della collaborazione. Copia del verbale è stata depositata dal pm della Direzione distrettuale antimafia di Lecce in occasione dell’udienza preliminare davanti al gup del Tribunale salentino, in cui Romano è imputato per narcotraffico. 

Nel verbale ci sono una serie di paragrafi coperti da omissis a rendere non leggibili nomi di una serie di persone, sulle quali sono in corso una serie di accertamenti. Romano, subito dopo aver fatto mettere a verbale la sua volontà di rispondere alle domande della pm Giovanna Cannalire della Dda, ha aperto il capitolo “Grecia”. 
 

COCAINA DELLA GRECIA: CARICHI DA 40 CHILI AL MESE SU NAVI

Grecia come “canale di approvvigionamento della cocaina: “Avveniva – si legge – con l’appoggio di Renato De Giorgi, un vecchio affiliato al clan Coffa e in particolare a Mario Coffa, padre di Alessandro Coffa, deceduto presso il carcere di Sulmona nel 1993”.

“Da quel momento, De Giorgi è passato come affiliato a Maurizio Coffa, fratello di Mario, e il nostro clan si è avvalso del canale greco gestito da De Giorgi già dagli anni 2014-2015. De Giorgi si era trasferito direttamente in Grecia, dove gestiva il traffico di cocaina sulle navi. Ogni carico si aggirava intorno ai 30-40 chilogrammi”, ha detto Romano.

“I viaggi avvenivano con una frequenza mensile. La cocaina veniva stoccata dapprima nel porto di Brindisi e successivamente nascosta per essere distribuita non solo nel Brindisino, ma anche in altre città”.

Fra le destinazioni delle partite di cocaina, Romano ha indicato le seguenti località: “Bari, Roma e Napoli”. E ha aggiunto: “Mi risulta che De Giorgi abbia contatti anche con famiglie malavitose calabresi”.
 

LA FIGURA DI RENATO DE GIORGI, ATTUALMENTE DETENUTO IN CARCERE IN GRECIA

Renato De Giorgi, 52 anni, è attualmente detenuto in carcere in Grecia con l’accusa di traffico di droga. E’ ristretto a Preveza dal 2017, dopo la scoperta di quasi 30 chili di cocaina in un negozio a lui riconducibile ed è finito sotto processo.Il nome di De Giorgi, inoltre, è venuto a galla nell’inchiesta della Guardia di Finanza di Roma, chiamata Re Mida, sul traffico di droga nella Capitale, con base del quartiere di Montespaccato. 

Lo scorso mese di dicembre, i finanzieri di Brindisi hanno eseguito il sequestro in chiave antimafia del patrimonio del valore di due milioni di euro, riferibile a De Giorgi e costituito da cinque società, 16 immobili, conti correnti, nove auto e due moto. Sequestro che segue quello di due terreni a San Vito dei Normanni e  della tabaccheria nel centro di Brindisi, danneggiata da un ordigno la notte fra il 16 e il 17 maggio 2018.
 

IL CONTATTO PER I VIAGGI IN GRECIA FINALIZZATI ALL’ACQUISTO DI COCAINA

Il collaboratore ha riferito altro e ha consegnato all’Antimafia anche un altro nome: “Il nostro contatto con De Giorgi era Abele Martinelli che molto spesso – si legge nel verbale del 22 gennaio scorso – effettuava viaggi in Grecia per prendere accordi diretti con lo stesso De Giorgi per l’acquisito di cocaina. Ricordo che quando De Giorgi rientrava a Brindisi, era solito frequentare il rione Sant’Angelo, dove vi era un autosalonea lui riconducibile”.

Quello stesso giorno, dopo una pausa di quattro minuti, l’interrogatorio di Romano prosegue e il collaboratore descrive come veniva gestita la vendita della droga a Brindisi e da chi: “Nel periodo 2017-2018, Alessandro Coffa e la moglie Maria Petrachi gestivano l’attività di acquisito e spaccio di sostanze stupefacenti, avvalendosi della stretta collaborazione di Alessio Romano , Enrico Mellone e Cosimo Schena, detto lu poppitu, si legge nel verbale. 

“Questi erano quelli che ricevevano direttamente da Alessandro Coffa le direttive, anche quando quest’ultimo era detenuto. Mellone, in particolare, era quello che aveva un maggiore numero di acquirenti di sostanza stupefacenti e che riusciva a smerciare la cocaina in più breve tempo, tant’è che allorquando vi era necessità di avere maggiore liquidità, si provvedeva a far recapitare la sostanza a Mellone che riusciva a smerciarla rapidamente”.

“Ricordo – ha detto Romano – che talvolta era Annarita Coffa che gestiva lo spaccio con i figli Mario Salvatore e Gianluca Volpe, a far recapitare tramite Campicelli la sostanza a Mellone per la successiva cessione”. E ancora: “La sostanza stupefacente che veniva trattata prevalentemente da Alessandro Coffa e da tutti gli altri soggetti che gli orbitavano attorno era cocaina, chiamata in gergo la biaba o la ‘b’, intendendo la bianca. Preciso che vi era altresì la disponibilità di hashish e marijuana: in particolare facevamo arrivare grossi quantitativi di marijuana anche da una famiglia calabrese”. Il nome dei componenti di questa famiglia non è leggibile, essendo stato omissato”.

Leggi anche:

Scu, le rivelazioni del nuovo collaboratore: un sequestro e profili Facebook fake per i contatti tra gli affiliati

Scu, il nuovo collaboratore: “A Brindisi estorsioni del mio clan dal 2014, picchiato a sangue chi non pagava”

Scu, Brindisi, le rivelazioni del nuovo collaboratore: un capo per quartiere, “l’imponimento, il ruolo centrale delle donne

Mafia a Brindisi, il nuovo collaboratore di giustizia: “Ero il boss, pronto a fare guerra a tutti”

Mafia, a Brindisi nuovo aspirante pentito: Andrea Romano, all’ergastolo per omicidio

Synedrium, Coffa e Romano il volto nuovo della scu

Omicidio di Halloween, fine pena mai

Scu, l’apocalisse delle donne: boss sottomesse

Scu, il welfare della cocaina

Brindisi, la Scu gestiva i parcheggi dell’ospedale Perrino: “Incassi fino a 11mila euro al mese”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!