Traffico di eroina con metodo mafioso: dieci arresti in Puglia

Inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Bari con epicentro a Palo del Colle: ruolo di primo piano contestato a Oscar Lubisco, 29 anni, considerato il capo dell’associazione dedita al narcotraffico, sotto l’egida del clan Strisciuglio di Bari. “Io per te mi vado a uccidere”. Conversazioni intercettate anche sui contrasti per il mancato pagamento delle forniture: “Li dovevate schiacciare tutti sani sani, uomini e donne”

Di Stefania De Cristofaro

 

PALO DEL COLLE – Traffico di eroina con base a Palo del Colle,  nell’area metropolitana di Bari, sotto l’egida del clan Strisciuglio, ricostruito in due duemila pagine di ordinanza di custodia cautelare: dieci persone sono state arrestate e condotte in carcere, tre sono state sottoposte a divieto di dimora.

IL BLITZ JUNGLE DELLA GUARDIA DI FINANZA DI BARI DOPO DUE ANNI DI INDAGINE

Le misure cautelari sono state eseguite il 28 dicembre scorso dal gruppo Pronto impiego della Guardia di Finanza di Bari, unitamente alla sezione aerea.

In carcere sono finiti: Oscar Lubisco, 29 anni, ritenuto il capo dell’associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, Giacomo Geronimo, 43; Leonardo D’Ambrosio, 27; Roberto Bufano, 35; Renato Massimo Lubisco, 55; Tommaso Proscia, 21; Arcangelo Lucatuorto, 34; Donato Mercurio, 30; Luigi Mercurio, 25 e Graziano Savino, 37. Sono tutti di Palo del Colle. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari ha ritenuto sussistenti gravi indizi di colpevolezza e ha sottolineato l’attualità della pericolosità sociale, facendo riferimento al rischio di reiterazione dei reati contestati.

Divieto di dimora nel comune di Palo del Colle è stato disposto per Sabino Savino, 50 anni; Domenico De Benedictis, 24, e Nicoletta Di Grumo, 40.

L’inchiesta coordinata dalla procura della Repubblica di Bari, Direzione distrettuale antimafia,  convenzionalmente chiamata Jungle, è  iniziata due anni e mezzo fa con la scoperta di una rete di spaccio di droga a Palo del Colle, da parte dei militari anti terrorismo del Pronto impiego. Una rete capillare come un foreste tropicale, da qui il riferimento al termine Jungle.

L’ORGANIGRAMMA DEL GRUPPO: LEGAMI CON IL CLAN STRISCIUGLIO DI BARI

Le intercettazioni hanno fatto venire a galla una strutturata associazione specializzata del traffico delle sostanze stupefacenti, in primis l’eroina, poi cocaina, marijuana e hashish. La droga veniva nascosta nei muretti a secco di masserie o strutture di campagna abbandonate e nei tronchi di alberi secolari.

Gli elementi raccolti nel tempo hanno ricostruito l’organigramma del gruppo: in posizione di vertice Oscar Lubisco che, nella ricostruzione dell’accusa, operava sotto l’egida del clan Strisciuglio, egemone a Bari e in provincia. Per gli inquirenti, era riuscito a mettere in piedi una costola del clan su Palo del Colle, potendo contare su un rapporto di devozione da parte di alcuni.

LE INTERCETTAZIONI TRASCRITTE NELL’ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE

Significative, sotto questo punto di vista, sono alcune intercettazioni trascritte e allegate agli atti d’inchiesta:

“Io per te mi vado a uccidere”,

dice uno dei ragazzi rivolgendosi al capo, rimarcandone il legame indissolubile.

L’ascolto delle conversazioni in ambientale ha portato anche alla contestazione di episodi di estorsione ai danni di chi non saldava le forniture di droghe:

“Li dovevate schiacciare sani sani, femmine e maschi”.

E’ uno stralcio di una intercettazioni registrata fra due degli indagati finiti in carcere, mentre commentano le difficoltà incontrare nell’ottenere il pagamento della partita di droga.

Nel periodo delle indagini sono state sequestrate anche armi di diverso munizionamento.

Leggi anche:

Mafia, a Bari struttura presa in prestito dalla Camorra e capacità militare

Videogiochi e mafia: 36 arresti a Bari

Mafia in Puglia, anche questione di famiglia: minorenni negli organici dei clan e donne vicarie dei mariti. Armi nei cimiteri

La “montagna di merda” è entrata in Chiesa

Bari, tentata estorsione mafiosa alla ditta di onoranze funebri: Ivan Caldarola condannato a otto anni

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment