Master in giornalismo a Bari, iscrizioni al bando fino al 30 novembre

La scuola si propone di lanciare i futuri giornalisti professionisti anche sul mercato editoriale internazionale. Per il nuovo biennio confermate la direzione scientifica e la direzione didattica, affidate rispettivamente a Luigi Cazzato e a Lino Patruno

BARI –  Riparte il master in giornalismo dell’Università degli studi di Bari Aldo Moro: il bando per la selezione dei candidati, aspiranti giornalisti, è stato pubblicato nei giorni scorsi, le iscrizioni scadono il prossimo 30 novembre.

Il giornalismo, un sogno inseguito oggi da tante ragazze e ragazzi, è un mestiere che da sempre affascina, ma che necessita di strumenti solidi per poter essere praticato in una condizione di concorrenza ormai globale. Soprattutto alla luce dell’evoluzione del settore dell’informazione, il Master in Giornalismo è di fatto l’unica strada che conferisce gli strumenti professionali per lavorare sia nelle redazioni dei quotidiani, sia in quelle delle tv, delle radio, del web e dei social network. Non c’è al momento altro mezzo che consenta di specializzarsi a tutto tondo in ciascuno di questi strumenti di comunicazione, con grandi vantaggi nella ricerca di sbocchi occupazionali.

Il Master dell’Università di Bari ALDO MORO è una delle tre sole scuole di giornalismo nel Mezzogiorno e forma figure altamente professionali che sapranno muoversi a 360° nell’affascinante e turbolento mondo dell’informazione giornalistica.

Puntando in particolare sulla lingua inglese, sui media digitali e sull’utilizzo proattivo dei social, questa scuola si propone di lanciare i futuri giornalisti professionisti anche sul mercato editoriale internazionale. Spazio formativo, infatti, sarà dedicato alle questioni della contemporaneità euro-mediterranea (“il Sud ci fu padre e nostra madre l’Europa”, è la parola d’ordine presa a prestito da un verso di V. Bodini), quali il fenomeno migratorio e le campagne di disinformazione e misinformazione.

L’attività didattica prevede lo studio di materie sia tecnico-professionali sia universitarie e soprattutto il lavoro in una vera redazione per la produzione di: un magazine quindicinale, due radio giornali e un telegiornale ogni settimana, oltre a un sito web costantemente aggiornato (cliccare per credere: http://www.mediaterraneonews.com/topnews/) e allo storytelling sui social network.

Anche per il nuovo biennio sono confermate la direzione scientifica e la direzione didattica, affidate rispettivamente al prof. Luigi Cazzato e al dott. Lino Patruno.

Una nota di primo piano, infine, anche sui costi, poiché il Master in Giornalismo di Uniba ha il miglior rapporto qualità-prezzo in Italia e sono disponibili borse di studio totali e parziali. Il costo è di quattromila euro all’anno per due anni di attività full time e per un percorso che conduce l’allievo per mano fino a farlo diventare giornalista professionista. È un costo probabilmente importante se rapportato ad altri percorsi di studio, ma decisamente inferiore rispetto a quello di altre scuole di giornalismo italiane, quasi tutte al nord e dal costo doppio o addirittura triplo.

Inoltre, il master in Giornalismo di Uniba è al primo posto al Sud nella classifica di qualità stilata dai valutatori dell’Ordine nazionale dei giornalisti.

C’è tempo fino al 30 novembre per iscriversi al bando di selezione per il Master in Giornalismo.

Qui il link di download del bando

Qui il link per il sito del Master

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!