“Da quassù” non è un romanzo per Salvini …Oppure sì?

Il nuovo romanzo di Thomas Pistoia e la sua provocazione: “siamo sicuri che i leghisti siano davvero tutti così?”

“Da Quassù”, di Thomas Pistoia, scrittore e giornalista salentino, genera un dubbio interessante: “ma i leghisti sono davvero tutti così?”

Molto legato ai temi della mafia e dell’immigrazione, che ha trattato anche come sceneggiatore di fumetti (Nathan Never), giunto alla sua seconda prova letteraria dopo la pubblicazione de “La leggenda del Burqa” (2016), Pistoia spiega com’è nato il romanzo: “conosco persone che si professano leghiste e che sui social scrivono post pieni di odio verso gli stranieri e verso chi ha opinioni diverse dalle loro, inneggiando al loro “capitano”. Le stesse persone, prese nella loro vita quotidiana, si dimostrano molto pacifiche, gentili, dedite al lavoro e alla famiglia e soprattutto  non mostrano alcun disprezzo nei confronti degli stranieri. Sono convinto, anzi, che se si trovassero in mezzo al mare durante il naufragio di un barcone, farebbero di tutto per salvare più persone possibile. Quindi cosa li spinge a comportarsi in quel modo quando sono in rete? La logica del branco? Il leonismo da tastiera? Cercano uno sfogo, un modo per dare la colpa a qualcuno delle loro frustrazioni? Insomma, secondo me, una parte dell’elettorato della Lega non è davvero leghista.

Da qui la trama. L’intera vicenda si svolge in cima a un palazzo. Mario, imprenditore di fede leghista caduto in disgrazia e in preda ai pignoramenti, pochi minuti prima di tentare il suicidio, ha uno scontro con Fatimah, un’extracomunitaria che ha vissuto tutti gli orrori dell’immigrazione. Li affianca Pier, un giovane vigile del fuoco, che fa di tutto per evitare la tragedia, ma anche lui ha i suoi fantasmi da gestire.

I tre scoprono di avere molto in comune proprio nel momento in cui, volenti o nolenti, si ritrovano ad affrontare insieme una terribile minaccia che incombe su di loro.

Da Quassù”, la cui prefazione è a opera dello scrittore Matteo Bussola, è edito da Tempesta Editore, che lo ha presentato per la prima volta il 4 ottobre scorso presso l’Auditorium Parco della musica, in occasione di Insieme, fiera organizzata dall’AIE.

Per ulteriori info: https://tempestaeditore.it/ [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!