Mafie, Covid-19 e rifiuti tossici in Europa: un affare per miliardi di euro.

Con l’arrivo dell’epidemia di Covid-19 in Europa, il mercato dei traffici illegali di rifiuti è diventato sempre più florido. Negli ultimi mesi, a causa del forte coinvolgimento delle mafie italiane nel settore, si registrano alcune anomalie. La gestione dei rifiuti, in particolare di quelli pericolosi, è pertanto un settore da sorvegliare con attenzione giacché essi hanno anche un enorme impatto negativo sull’ambiente naturale. Gli Stati membri dell’Unione europea investono miliardi di euro, per cui, la gestione dei rifiuti ha offerto immediatamente alle reti criminali mafiose l’opportunità di incrementare le loro attività economiche infiltrandosi nella cd. green economy.

 

Di Vincenzo Musacchio

 

L’enorme quantità di rifiuti pericolosi lasciati dai processi di produzione industriale in Europa sta alimentando una domanda crescente dei servizi di smaltimento. Ogni anno in Europa si producono oltre duemila milioni di tonnellate di rifiuti di cui oltre quaranta milioni di tonnellate sono classificati come pericolosi.

Le nuove norme meno rigorose, l’aumento dei prezzi per smaltire legalmente i rifiuti e le restrizioni dovute al Coronavirus, portano le mafie a inserirsi più facilmente nel settore proponendo alle industrie condizioni e prezzi allettanti che creano poi un mercato illecito, parallelo e occulto. In questo contesto le mafie giocano un ruolo decisivo:

si accordano con le imprese fornendo loro l’opportunità concreta di massimizzare i profitti, riducendo al minimo i costi.

Le nuove mafie oggi non operano più con violenza e intimidazioni, ma si servono dei colletti bianchi e di strumenti corruttivi. I nuovi mafiosi operano legalmente attraverso loro aziende e si presentano come “mediatori” per i servizi di gestione e smaltimento dei rifiuti offrendo prezzi molto più bassi rispetto ad altre società esistenti sul mercato legale.

I rifiuti pericolosi, spesso altamente tossici, che fingono di riciclare finiscono poi in discariche illegali sparse attualmente in tutta Europa. Il rischio più grave è che con questo metodo i rifiuti ritornino nell’ambiente in forma diversa e con potenzialità tossiche pericolosissime (pensiamo a un campo ortaggi su terreno adibito a discarica occulta). Gli stessi materiali plastici o affini, possono costituire una minaccia per la salute umana se non sono sottoposti al corretto processo di riconversione.

In periodo di Covid-19, quindi, di crisi economica, risparmiare può essere una necessità, per cui, nei diversi settori industriali cresce la richiesta dei servizi di smaltimento illegale di rifiuti. Le mafie sanno cosa e come fare per individuare le imprese e le industrie in crisi offrendo loro servizi specializzati proprio nella gestione dei rifiuti a basso costo. Le società coinvolte in tali attività sono spesso complici – in alcuni casi in accordo preventivo – della criminalità organizzata.

Le nuove mafie sono ben organizzate fra loro e le nostre, ad esempio, hanno contatti stretti con tutte le altre associazioni criminali radicate negli Stati membri dell’Unione europea.

I rifiuti pericolosi sono in genere trasferiti in uno Stato membro compiacente (es. Slovenia, Bulgaria, Romania).

Le mafie per non destare sospetti pagano addirittura le tasse di riciclo o altri costi associati al corretto smaltimento dei rifiuti che in realtà poi sono stoccati in modo illegale.

Europol ed Eurojust assieme alla polizia italiana, circa un anno fa, con l’operazione denominata “Green Tuscany”, hanno scoperto un’associazione criminale che trafficava in rifiuti di plastica dall’Italia verso Cina tramite la Slovenia. L’inchiesta era collegata a un’indagine della Procura Nazionale Antimafia italiana sul traffico illecito di rifiuti tessili che partivano dai porti di Genova, Livorno e Trieste per giungere in Africa. Le società coinvolte in quest’attività illegale operavano anche come mediatori e trasportatori nell’ambito di un sistema parallelo di traffico di rifiuti di plastica. I nuovi mafiosi erano riusciti a trovare diversi tragitti scegliendo la Slovenia come paese di transito verso la Cina. Le società slovene erano in combutta con le mafie per cui hanno fornito alle aziende italiane documenti falsi attestanti il corretto riciclo dei materiali. I membri della rete criminale erano di origine italiana, slovena e cinese. Tra questi, c’erano anche due affiliati alla camorra dei Casalesi, attivi sia in Campania sia in Toscana, operanti nel settore dei rifiuti tessili, precursori ed espertissimi in quest’ambito criminale.

L’operazione Green Tuscany e il relativo processo penale tuttora in corso, hanno consentito di rivelare due aspetti fondamentali a noi noti da tempo:

  • esistono contatti tra le mafie in ogni parte del mondo;
  • l’indispensabilità della collaborazione internazionale per il successo nella lotta alle mafie transnazionali.

Possiamo ancora battere queste nuove mafie solo se comprenderemo che occorrerà coinvolgere in questa lotta tutte le istituzioni nazionali, europee, internazionali e sensibilizzare assiduamente l’opinione pubblica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Vincenzo Musacchio

Giurista e docente di diritto penale presso l'Alta Scuola di Formazione della Presidenza del Consiglio in Roma (2011-2012) Associato per il settore penale della School of Public Affairs and Administration - Rutgers University di Newark (USA) Presidente dell' Osservatorio Antimafia del Molise Direttore Scientifico della Scuola di Legalità - don Peppe Diana - di Roma e del Molise

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!