Cresce la quota dei Suv nel mercato auto e si intravedono molte novità dietro l’angolo

I dati del mercato auto di giugno, pur negativi nel complesso, mostrano un exploit dei Suv rispetto alle berline, e sono già molte le novità previste dalle grandi marche per i prossimi mesi per andare ad arricchire ancora di più l’offerta di questo segmento e venire incontro ai gusti degli automobilisti.

A giugno le vendite di autovetture hanno fatto segnare un -23,1% rispetto all’anno scorso, ma i danni, tenuto conto dell’aria che tira in generale in Italia, avrebbero potuto essere molto più pesanti. I pesanti cali dei mesi scorsi sono stati infatti limitati dagli ottimi risultati fatti registrare da vetture elettriche (+53,2%) ed ibride (+84,4%), mentre crossover (-15,9%) e fuoristrada (-11,1%) hanno registrato cali inferiori rispetto alle berline (-24,9%).

La quota complessiva di mercato di Suv, crossover e fuoristrada è in continua ascesa ed ha ormai superato quella delle vetture berline. Nel 2018 circa un’immatricolazione su tre era un Suv, mentre ad inizio marzo 2020, appena prima del lockdown, la quota era già del 43,1% per il segmento Suv contro il 47,3% delle berline.

Alla riapertura di giugno la situazione si è infine completamente ribaltata, con i Suv che rappresentano il 46,7% del mercato totale e si lasciano alle spalle le berline che si fermano al 44,6% delle vendite.

Anche a giugno l’auto più venduta in Italia è stata la Fiat Panda, con 9.147 unità, seguita da Renault Clio (3.805) e Lancia Ypsilon (3.508), ma spicca il risultato di alcuni Suv come Dacia Sandero e Renault Captur che si piazzano al quarto e quinto posto facendo registrare rispettivamente 3.302 e 3.154 nuove immatricolazioni. Oltre a fuoristrada come Jeep Compass e Renegade, nei primi posti della classifica delle vetture più vendute di giugno troviamo anche Suv e crossover dei migliori marchi tedeschi come Volkswagen T-Roc, Tiguan e T-Cross, oltra alla Ford Ecosport.

Già da inizio anno le preferenze degli automobilisti si stavano chiaramente orientando verso Suv, crossover e fuoristrada e la conferma è arrivata dunque a giugno con la riattivazione del settore dopo la ripresa generale delle attività economiche. Anche quando si parla di vetture usate i Suv sono ormai la prima scelta per molti automobilisti ed online esistono portali specializzati come Autoo che consentono di acquistare Suv usati in tutta sicurezza senza muoversi da casa, con il plus di servizi personalizzati come la gestione delle pratiche burocratiche, la proposta di opzioni di finanziamento e la consegna a domicilio del veicolo.

Sono inoltre molte le novità previste dai costruttori per i prossimi mesi, a partire dal nuovo Suv Q5 di Audi che è già stato svelato e sarà disponibile sul mercato da ottobre, con la possibilità di scegliere tra motorizzazione a benzina, diesel o ibrida. Tra settembre ed ottobre saranno disponibili anche le nuove motorizzazioni per il Suv Fiat 500X, mentre il nuovo iX3, il Suv a batteria di BMW, verrà messo in commercio entro la fine del 2020.

Nonostante la crisi generale del settore il Volkswagen Tiguan si conferma tra i Suv più venduti al mondo e nel solo 2019 ne sono state prodotte 911.000 unità. Non mancano però le novità e le innovazioni anche per questa vettura ormai ben piazzata sul mercato. I prossimi aggiornamenti previsti dalla Casa di Wolfsburg per il Tiguan riguardano in particolare il design, con il frontale ridisegnato, le dotazioni come il Travel Assist ed i motori TDI ormai diventati i più puliti a livello mondiale tra i propulsori tradizionali.

Le ultime indiscrezioni parlano di grosse novità anche in casa Alfa Romeo con il nuovo grande SUV Brennero (o Milano, sul nome non è ancora stata presa una decisione) creato nelle versioni benzina, diesel ed elettrico, ma per il quale bisognerà aspettare almeno il 2022. Il SUV medio Stelvio invece sarà disponibile a fine 2021.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!