Con il lockdown boom del food delivery: nuove idee imprenditoriali

Il lockdown forzato causato dell’emergenza sanitaria ha messo in crisi molti settori della nostra economia. Dovendo rimanere forzatamente chiusi, alcuni negozi e alcune attività hanno perso parte dei loro introiti. Non tutti, però. Il settore del food delivery, ad esempio, ha guadagnato non poco dalla situazione venutasi a creare, tanto da poter parlare di un vero e proprio boom.

Dalla possibilità di fare la spesa online a quella di ordinare del cibo direttamente a casa: gli italiani hanno riscoperto la comodità e la facilità di utilizzare il mondo digitale anche per queste cose. Lo dimostrano i dati, del resto.

L’Osservatorio di JustEat, uno dei leader nel settore del food delivery, ha messo in luce l’aumento esponenziale dei nuovi clienti che si sono avvicinati a questo mondo proprio nella fase del lockdown e che prima di questo momento non avevano mai preso in considerazione servizi di questo tipo.

Da un campione analizzato si è evinto che molti dei nuovi clienti non avevano mai sentito l’esigenza di ordinare online il proprio pranzo o la propria cena, preferendo il più classico asporto o il ristorante. Tuttavia, la nuova condizione ha fatto nascere delle esigenze diverse. In molti si sono approcciati a questo mondo per assaggiare dei cibi diversi dal solito, per la scarsa voglia di cucinare o per fare qualcosa di diverso in un periodo difficile. 

Qualsiasi sia stata la motivazione che ha spinto a ordinare cibo online il risultato è stato il medesimo: un incremento di fatturato. Inserirsi nel settore del food delivery è, quindi, un’idea allettante per molti.

Quello del cibo è un settore che non smetterà di crescere e proliferare a 360°. Serve, però, l’idea giusta. Come sempre il settore ristorazione e bar è ricco di competitor ma per aggirare la concorrenza serve una buona idea da portare avanti e un business plan ben fatto. In questo caso, l’aiuto che si può trovare nella sezione di Contributi PMI dedicata proprio al settore può chiarire le idee e indirizzare verso la giusta via.

Questa è, del resto, di una risorsa editoriale molto valida e in grado non solo di dare delle idee valide, ma anche di indirizzare gli interessati verso il successo. Qui si troveranno, infatti, informazioni dettagliate su come aprire delle attività nel settore della ristorazione, ma non solo, su come accedere a finanziamenti a fondo perduto e sovvenzionamenti vari e così via. Un valido aiuto per iniziare al meglio la propria avventura imprenditoriale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!