Dare i numeri

Venerdì è stato il mio compleanno, ma di solito il tempo dei bilanci e dei buoni propositi per me è a settembre.

Ma questo è, in tutti i sensi, un anno particolare.

Il tempo sospeso della quarantena, gli eventi imprevedibili che hanno riguardato il mondo intero e tutto ciò che è scaturito dallo tsunami che ci ha travolto tutti, hanno trasformato 3 mesi in una vita e, sinceramente, ora che tutto riprende in qualche modo a funzionare, ho come l’impressione che sia già settembre. Trovo però importante non perdere l’occasione di riflettere su ciò che è accaduto, sarebbe un peccato andare avanti troppo in fretta.

Insomma, in un modo o nell’altro, mi ritrovo a far e i conti con me stessa ora, fuori stagione, con i miei 47 anni.

Figlia di un appassionato di numerologia e cartomanzia, per prima cosa procedo ad esaminare i numeri che ho davanti.

47 —> 4+7 = 11

Nei tarocchi maggiori la carta numero 11 rappresenta la Forza (e qui io, subito, storco il naso: ma come, ancora? Sono stanca di essere forte! Non potremmo passare a un semplice: sfacciatamente fortunata?! Poi però ci rifletto e mi ricordo che sono già sfacciatamente e incredibilmente fortunata).

Prendo il prezioso borsellino dei tarocchi di mio padre e cerco tra gli arcani maggiori la mia carta:

11 – la Forza ( spirituale, morale e fisica)

‘per potere bisogna credere che si può  potere

Nella carta è raffigurata una giovane nell’atto di domare un leone. Osservandola bene, sembra non esercitare alcuno sforzo in questa azione. Essa è consapevole che il suo tocco, fermo e deciso, trasmette amore, in questo modo l’animale comprende che nulla può nuocergli e si dispone di buon animo a donare le proprie energie alla fanciulla.

Quest’atto coinvolge la forza di tutte le forze. Lo scambio tra il leone e la fanciulla sottolinea il fatto che dominando gli aspetti aggressivi e distruttivi della propria forza, si può fondere l’io profondo con la propria natura istintiva, dando luogo ad una saldezza di carattere in grado di affrontare qualunque cosa. Il messaggio della forza è chiaro: il lavoro della coscienza passa innanzitutto attraverso le forze istintive. Il punto di unione tra l’energia spirituale e l’energia istintiva è l’espressione dell’energia pura.

 

Parole associate: Energia Vitale, Forza d’animo, Coraggio

 

Poi passo ad esaminare la somma dei numeri della data del mio quarantasettesimo compleanno e seguo lo stesso procedimento.

20 – il Giudizio

rappresenta risurrezione, risveglio, sorpresa, rinascita e cambiamento

 

Con i 47 anni mi ritrovo, ancora una volta, ad affrontare nuove sfide e nuovi cambiamenti e a dovermi affidare con tutta me stessa alla mia, per fortuna, inesauribile forza vitale.

I numeri mi consigliano di prepararmi con calma al cambiamento, di ponderare bene le mie scelte, di usare i mezzi a mia disposizione con prudenza e saggezza, di prediligere sempre la forza spirituale a quella bruta e di combattere l’aggressività altrui con la forza della calma e dello spirito.

In altri tempi avrei risposto: sai che scoperta!

Oggi invece prendo questi consigli come suggerimenti validi, di cui far tesoro.

I numeri fanno parte della mia vita da sempre e io mi affido spesso a loro, così come mi affido spesso al caso (non ho mai creduto nelle coincidenze).

In qualche modo mi tengono compagnia da almeno 30 anni e tendo ad interpretare alcuni eventi come fossero messaggi dei miei genitori.

Basta farci caso, a volte capitano cose davvero pazzesche.

Questa settimana, per esempio, ho ricevuto la lettera in cui mi viene indicata la data ultima per la consegna delle chiavi di quella che, oggi, è la mia casa e che, prima, era la casa di mio padre.  E bene, la data di consegna delle chiavi corrisponde al suo compleanno.

E non è tutto. Negli stessi giorni ho firmato una proposta per l’affitto di un nuovo immobile e, pensa un po’, la data di scadenza sulla proposta corrisponde invece alla sua data di morte!

Pelle d’oca e una certezza: non sono sola.

Pur essendo totalmente lontana da una logica matematica vivo circondata da numeri e nutro per loro grande passione e rispetto.

Per tradizione nella mia famiglia si calcola sempre il numero corrispondente alla data di nascita delle persone. La somma di tutti i numeri della mia è pari a 9. Nei tarocchi l’arcano dell’Eremita. L’elogio del silenzio interiore.

Raffigura un vecchio saggio che si muove lentamente appoggiandosi al suo bastone ( l’intelletto) e illuminando il cammino, passo dopo passo, con la sua lanterna ( la luce interiore e l’introspezione).

 

Parole chiave: Saggezza, Solitudine, Coraggio, Distacco.

Isolarsi per ritrovare sé stessi. Guardare le cose dall’alto di una prospettiva superiore. Far da sé.  Difendere i propri segreti. Meditare. Essere umili e felici con poco. Volgere lo sguardo all’interno del proprio essere.

Il numero collegato alla data di nascita di mio padre è lo stesso che si ottiene anche con la somma dei numeri della sua data di morte: il 6, l’amoroso. Nessun numero avrebbe mai potuto calzare meglio per un uomo che ha dedicato la sua vita all’amore e all’amicizia. Per mia madre, che era un artista, una donna sempre pronta all’azione, incapace di mentire ed estremamente vitale, la somma della data di nascita corrisponde al 3, l’arcano dell’imperatrice. Natura divina e azione. La Potenza fecondatrice. La verità. L’universo della possibilità creativa. Mentre la somma della data in cui si è tolta la vita, guarda caso, corrisponde al 22, il matto.

Mio padre 6, mia madre 3, io 9.

La loro somma.

Cose che porto sempre con me. Anche ora, mentre mi preparo ad affrontare 1 nuovo anno, il 29mo trasloco della mia vita e tutto ciò che accadrà nel mio 47mo anno.

Vi dico questo: la somma dei numeri dell’anno che stiamo vivendo ( 2020) corrisponde a 4. La carta dell’Imperatore.  Esso si sofferma a riflettere su ciò che ha creato. Osserva quieto la rappresentazione della sua creazione e riflette su ciò che necessita.

Io lo prendo come un suggerimento importante e vi invito a unirvi a me nel fare altrettanto. Osserviamo ciò che abbiamo creato. Riflettiamo bene su cosa c’è urgenza di fare, su cosa necessita il nostro mondo, oggi, per rinascere davvero.

In alternativa potete sempre giocarvi i numeri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Barbara Toma

Agitatrice, Animale da palco, Coreografa, drammaturga e mamma single salentina-olandese. In equilibrio precario, sul filo della vita, con due figlie e una sola vocazione: la danza. Non per forza sincera, ma dannatamente vera. Fuori luogo ovunque, tranne sul palco, l’unico posto dove il suo modo di agire non è controproducente.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!