DEA ossigeno, il danno e la beffa

INCHIESTA. Il tubo per la fornitura dei gas medicali, rotto, non si può riparare senza interrompere l’erogazione dell’ossigeno. La Asl lo sa dal 9 aprile, ma non fa nulla. La ditta che aveva realizzato l’impianto originario, Rivoira Pharma srl del gruppo Nippon Gases, scrive alla Asl di Lecce una dettagliata relazione. A rischio “la portata e la caduta di pressione” dei gas medicali di Marilù Mastrogiovanni Il tubo per la fornitura di gas medicali al DEA di Lecce, ospedale Covid 19, non si potrò riparare senza interrompere l’erogazione dell’ossigeno e…

Leggi tutto